Mario Balotelli è stato squalificato per due giornate dal giudice sportivo. L’attaccante del Brescia era stato espulso domenica scorsa nel match con il Cagliari. C’era chi temeva una sanzione ben peggiore per l’attaccante che aveva detto qualche parola di troppo all’arbitro. Il giocatore ha ricevuto anche una multa di 10.000 euro.

Due giornate di squalifica per Mario Balotelli

La partita con il Cagliari di Balotelli è durata appena sette minuti. L’attaccante è entrato in campo al 77’ e poco dopo è stato espulso. Il centravanti di Corini era nervoso, ha commesso un brutto fallo e per questo è stato ammonito, era diffidato e in automatico sarebbe scattato lo stop, poi il giocatore si è arrabbiato e, letteralmente, ha mandato a quel paese l’arbitro che non ha potuto far altro che espellerlo. Il giocatore è stato anche multato di 10.000 euro. Balotelli non ci sarà contro il Milan (in campo venerdì) e con il Bologna (nella partita del primo febbraio). Queste le motivazioni:

Balotelli è stato squalificato per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già diffidato (Quinta sanzione); per avere, al 36° del secondo tempo, all'atto del provvedimento di ammonizione, indirizzato all'Arbitro un'espressione irriguardosa accompagnata con plateale gestualità.

I giocatori squalificati dopo la 20a giornata

In totale sono dieci i calciatori sanzionati dopo la ventesima giornata. Oltre a Balotelli, squalificato per due giornate, hanno ricevuto un turno di stop anche per Antonio Candreva, giocatore dell’Inter che era diffidato ed è stato ammonito nel match di Lecce: contro il Cagliari non ci sarà. Quel match non lo disputerà nemmeno il difensore dei sardi Fabio Pisacane. Un turno di stop per Bani e Sansone del Bologna, Chabot della Sampdoria, Ola Aina e Rincon del Torino, Cassata del Genoa e Dalbert della Fiorentina.