Pochi gol e pochissimo spettacolo nei primi tre anticipi della 32a giornata di Serie A. Vincono e conquistano tre punti fondamentali nella lotta salvezza Genoa e Cagliari, che hanno sconfitto in casa Crotone e Udinese, al nono k.o. consecutivo. I Grifoni sono definitivamente salvi con undici lunghezze di vantaggio sul Crotone quart’ultimo. Senza gol Chievo-Torino.

Chievo-Torino senza emozioni

Partita bloccata sin dall’inizio. Il Chievo ha paura, Maran si gioca la panchina e un punto tutto sommato farebbe molto comodo, il Torino prova a fare la partita e se la gioca con Iago Falque, Ljajic e Belotti in attacco. Il primo tempo è bruttino, quasi senza occasioni. Ljajic, tra i migliori con Ansaldi, è ispirato e imbecca Belotti, ma il ‘Gallo’ da buona posizione calcia al lato. Il serbo ci prova su punizione, tiro bloccato senza problemi da Sorrentino. Nella ripresa il copione non cambia. Il Toro perde due giocatori per infortunio: Nkoulou e De Silvestri. L’occasione migliore ce l’ha Cacciatore che al 76’ ha la porta spalancata, ma calcia alle stelle. Nel finale viene espulso Bani, autore di una brutta entrata su Bonifazi.

Decide Bessa

Il Crotone non ha l’approccio giusto e non ha il ‘famoso’ coltello tra i denti che serve a tutte le squadre che lottano per non retrocedere e per una buona mezz’ora fa da sparring partner a Marassi, dove il Genoa, pur con ritmi bassi, attacca e domina. L’arbitro Irrati assegna un rigore ai Grifoni per un fallo su Iuri Medeiros, ma il Var dice la verità: il portoghese si è tuffato. Il Genoa continua ad attaccare e trova l’1-0 quasi alla mezz’ora con Bessa che da due passi di testa supera Cordaz. Il Crotone si sveglia e il Genoa soffre un po’, anche se in contropiede ha la palla del due a zero, che Bessa questa volta si divora. A inizio ripresa Spolli mette male la gamba, l’infortunio in un primo momento sembra serissimo. Ma l’argentino dopo poco è pimpante in campo. Il Crotone con due punte e due esterni offensivi nel finale cerca il pari, Ricci è sfortunato quando colpisce il palo.

Nona sconfitta di fila per l’Udinese

Questione di testa alla Sardegna Arena. Il Cagliari ci crede di più, ci prova fino alla fine, segna due gol di testa all’Udinese e dopo oltre due mesi ritrova il successo casalingo. L’Udinese parte bene e dopo una decina di minuti trova il vantaggio con Lasagna, giocatore mancato tantissimo a Oddo. L’1-0 dura pochissimo. Cigarini calcia divinamente una punizione che si stampa sulla traversa, sulla ribattuta è lestissimo Pavoletti che pareggia. Nella ripresa sembra quasi le due squadre si accontentino del pareggio, ma non è così. Cossu crea per Ceppitelli che segna il gol del 2-1. Vittoria pesante per i sardi, nona sconfitta consecutiva per l’Udinese. Oddo è in bilico, la squadra andrà in ritiro.