Atalanta e Torino vincono e agganciano la Roma. I nerazzurri piegano a domicilio la Sampdoria, reti di Zapata e Gosens. Mentre il ‘Gallo’ regala tre punti a Mazzarri. Il Bologna supera il Cagliari e si rilancia nella corsa alla salvezza. Vince anche l’Inter che batte 2-0 la Spal e si riporta a un solo punto dal Milan.

Frosinone-Torino 1-2

Torino non pervenuto nel primo tempo. Mazzarri schiera Zaza con Belotti, fuori Iago Falque e senza lo spagnolo i granata non creano gioco e rendono la vita semplice al Frosinone che al 42’ passa in vantaggio con un gol di Paganini, che toglie l’imbattibilità a Sirigu. Quando entra lo spagnolo il Toro cambia musica e pareggia con Belotti. Il ‘Gallo’ di testa segna il 9° gol stagionale. Mazzarri manda in campo il recuperato Ola Aina e il nigeriano serve un assist intelligente a Belotti che con una girata al volo realizza il 2-1.

Sampdoria-Atalanta 1-2

Partita a strappi e a scacchi quella tra Sampdoria e Atalanta e più precisamente tra due maestri di calcio come Giampaolo e Gasperini. Dopo un primo tempo molto tattico e con poche emozioni nella ripresa salgono in cattedra i bomber. Duvan Zapata segna un gol bellissimo, ma da ex non esulta. Il colombiano riceve da Ilicic si beve un avversario e insacca.

La risposta arriva quasi immediata, la Sampdoria si procura un rigore che Quagliarella trasforma. 20° gol in campionato per il giocatore campano che è capocannoniere solitario. L’Atalanta, senza Gasperini espulso, torna avanti con Gosens che decide il match. L’Atalanta aggancia la Roma.

 

Inter-Spal 2-0

Spalletti effettua tanti cambi e manda in campo dall’inizio Joao Mario, Gagliardini, Miranda e Asamoah in posizione avanzata, la Spal punta su Peagna e sull’esperienza di Floccari. Il primo tempo è scialbo. L’Inter segna al 31’ con Lautaro, ma l’argentino a inizio azione tocca il pallone con la mano. I nerazzurri perdono a causa di infortuni Brozovic e Miranda. Nel secondo tempo l’Inter nel giro di dieci minuti segna con Politano (67’) e Gagliardini (77’).

 

Bologna-Cagliari 2-0

Sinisa Mihajlovic in settimana ha fatto vedere due film motivazionali alla sua squadra ‘Alexander’ e ‘Il Volo della Fenice’, l’obiettivo era quello di trovare motivazioni e carica. Il risultato è stato ottenuto. Il Bologna ha ritrovato il successo interno dopo cinque mesi e mezzo e con forza si riavvicina all’Empoli, domani in campo all’Olimpico con la Roma. Pulgar segna su rigore nel primo tempo, Soriano raddoppia nella ripresa.

 

Chievo-Milan 1-2

Non ha brillato, ma ha ottenuto i tre punti il Milan che ringrazia Biglia e Piatek. L’argentino al rientro da titolare dopo quattro mesi con una punizione meravigliosa segna l’1-0 poco dopo la mezz’ora, nel finale di tempo con un bel colpo di testa Hetemaj supera Donnarumma. Gattuso, espulso per proteste, suggerisce a Riccio di mandare in campo Calhanoglu, con il turco il Milan cambia volto e segna il gol della vittoria con Piatek.

Parma-Genoa 1-0

Sfida tutt’altro che esaltante al ‘Tardini’ dove Parma e Genoa hanno pensato soprattutto a difendersi, lo zero a zero sembrava scritto e invece al 77’ uno degli ex della partita lo slovacco Kucka ha superato l’esordiente Jandrej. Terza partita senza gol per il Genoa, ritrova il successo il Parma dopo quasi due mesi.

Juventus-Udinese 4-1

Allegri lascia a riposo Cristiano Ronaldo, Mandzukic, Chiellini, schiera più di una riserva ma non fatica a superare un agevolmente l’Udinese. Il poker della Juve è figlio dei gol di Moise Kean, autore di una doppietta nel primo tempo, poi segnano nella ripresa Emre Can su calcio di rigore e Matuidi. Nel finale Lasagna batte Szczesny e finisce 4-1.