Sébastien Jacques André Frey, Seba per gli amici e i compagni di squadra ha rischiato di morire a 39 anni. E di non camminare più. L'ex portiere della Fiorentina e del Genoa ha raccontato con un post su Instagram cosa gli è successo e spiegato come quella febbre a 40 contratta a causa di un virus era la spia di qualcosa di molto iù grave che stava per accadergli. L'ex numero francese ha rivelato tutto con un post su Instagram nel quale ha voluto (anche) tranquillizzare tutti sulle proprie condizioni di salute. Adesso sono migliorate: il peggio è passato assieme alla paura ma la strada è ancora lunga.

Buongiorno a tutti. Come avrete notato mi sono assentato dai social da un po'… per una ragione più che valida e ve la voglio spiegare. Tre settimane fa sono stato ricoverato d'urgenza in ospedale perché avevo la febbre a 40 che non scendeva… dopo vari esami mi hanno trovato un virus che piano piano mi ha completamente debilitato e che avrebbe potuto portarmi via da tutti voi…

In carriera Frey ha indossato le maglie di Cannes, Inter, Verona, Parma e Bursaspor (oltre alla viola e alla casacca del Grifone). Le difficoltà affrontate in campo sono nulla rispetto alla prova più difficile dinanzi al quale s'è trovato nelle ultime settimane: combattere la battaglia per la vita. Il primo round – ovvero, poter ancora raccontare quanto gli è accaduto – l'ha superato, gli resta la seconda parte altrettanto dura.

La fortuna vuole che ho superato questa prova – si legge ancora nel messaggio dell'ex calciatore -. Ora ho iniziato una nuova sfida, tornare a camminare come ho sempre fatto e lavorare per poter tenere in braccio di nuovo la mia bambina… ho sempre giocato per vincere e ora con determinazione e forza vincerò anche questa battaglia. Vi abbraccio tutti.