Un’altra partita contro Pochettino e un’altra sconfitta per il Chelsea di Maurizio Sarri. Ma se quella subita dai Blues in campionato non aveva creato polemiche, perché gli Spurs dominarono e vinsero nettamente, la semifinale d’andata della Coppa di Lega invece ha lasciato molti strascichi perché è stata decisa da un rigore assegnato con il Var e contestato dall’ex tecnico del Napoli.

Il VAR decide Tottenham-Chelsea

L’incontro è finito 1-0, la possibilità di rimediare per i Blues c’è, la gara di ritorno è in programma tra due settimane. Al 25’ l’arbitro assegna un penalty al Tottenham per un fallo di Kepa su Kane, il rigore è netto. Ma i dubbi ci sono perché il bomber del Tottenham sembra in fuorigioco quando parte l’azione.

La furia di Sarri

Dopo aver visto le immagini il tecnico che sta per compiere sessant’anni ha avuto la certezza che Kane fosse in posizione irregolare quando si è lanciato verso l’area del Chelsea. Nel dopo partita Sarri è stato piuttosto esplicito e ha detto che l’arbitro, il signor Michael Oliver (quello di Real-Juve), ha valutato male le immagini:

Al momento gli arbitri inglesi non sono in grado di utilizzare il sistema. Non so se ce la faranno. Dalle immagini che ho visto io, Kane è in fuorigioco. La sua testa e il suo ginocchio sono oltre la linea… Forse la Var era in una posizione diversa, ma dalla nostra era chiaramente in fuorigioco. Poi il guardalinee aveva smesso di seguire il gioco, quindi i giocatori hanno pensato che fosse offside. In Italia c’è la Var, nella prima stagione è stato un disastro. Gli arbitri non sapevano come fare. Comunque è strano che in Premier non ci sia, ma nelle coppe sì.

La sportività di Pochettino

Dopo la partita il tecnico del Tottenham Mauricio Pochettino si è detto d’accordo con Sarri, l’argentino non ha parlato dell’episodio del rigore ma pretende chiarezza sulle regole del Var e ha detto di non essere felice del modo con cui ha ottenuto il successo:

Ottenere il vantaggio è bello, ma non sono felice di vincere in questo modo. Non sono contento di come stanno usando la tecnologia, un buon esempio è la Liga invece… Bisogna essere più chiari, dobbiamo capire come la useremo. Deve essere uno strumento per migliorare il gioco.