La Red Bull Arena come il Vesuvio, e il Salisburgo versione pizzaiolo pronto ad  infornare un Napoli versione Pulcinella. Così il club austriaco con una provocatoria vignetta infarcita di luoghi comuni ha presentato sui social il match di ritorno degli ottavi di Europa League contro il club partenopeo in programma mercoledì 14 marzo alle 18.55. Una situazione che ha fatto infuriare i tifosi del Napoli che si sono vendicati a suon di commenti su Facebook, Instagram e Twitter

https://www.instagram.com/p/Bu3LPt1HjRM/
in foto: https://www.instagram.com/p/Bu3LPt1HjRM/

Salisburgo, la vignetta che ha fatto arrabbiare i tifosi del Napoli

Dopo il 3-0 incassato il San Paolo, il Salisburgo proverà a giocare il tutto per tutto davanti ai propri tifosi nel match di ritorno degli ottavi di finale di Europa League in programma giovedì 14 marzo alle ore 18.55. La formazione austriaca crede nell'impresa e a tal proposito ha pubblicato una vignetta sui propri profili social che ha fatto molto discutere. Nella stessa si vede un toro, vestito da pizzaiolo e intento ad infornare una speciale pizza con sopra Pulcinella con il logo del Napoli. Un forno molto particolare, con la forma di un vulcano come il Vesuvio altra icona napoletana con la scritta Red Bull Arena in piena attività eruttiva. Il tutto accompagnato dalla didascalia "Napoli è il passato, Salisburgo è la nostra fortezza" a confermare la consapevolezza dei propri mezzi della società di Salisburgo

Sfotto' social, si accende la vigilia del match di ritorno

La vignetta non è ovviamente sfuggita ai tifosi del Napoli che non hanno perso tempo per reagire in maniera altrettanto ironica alla provocazione della società austriaca. I tifosi del club azzurro si sono scagliati a suon di commenti su Facebook, Instagram e Twitter evidenziando il risultato della gara d'andata, convinti che la loro squadra ripeterà la brillante performance del match del San Paolo. Una situazione che farà alzare ulteriormente l'asticella dell'attenzione della squadra di Ancelotti costretto a fare a meno dei suoi difensori centrali titolari Koulibaly e Maksimovic, entrambi squalificati.