Il calvario di Patrik Schick sembra non conoscere fine. Dopo i problemi evidenziati questa estate, che hanno fatto saltare il suo trasferimento alla Juventus, e il primo guaio fisico accusato appena arrivato a Trigoria, l'attaccante ceco si è nuovamente fermato alcuni giorni fa durante un allenamento. Gli ultimi controlli medici, effettuati sul giocatore ex Sampdoria, hanno confermato la serietà dell'ultimo problema muscolare. Attraverso un comunicato ufficiale, la Roma ha confermato l'infortunio e tempi di recupero: "Nella giornata odierna Schick è stato sottoposto ad ulteriori controlli clinico/strumentali che hanno confermato l'infortunio muscolare al retto femorale sinistro mettendo in evidenza una quota di edema post/distrattivo nel terzo prossimale della giunzione mio/tendinea del muscolo. L' atleta proseguirà il percorso riabilitativo impostato con prognosi ad oggi di 15 giorni".

La rabbia di Di Francesco.

Per rivedere in campo il nuovo giocatore giallorosso, i tifosi dovranno a questo punto aspettare la metà del mese di ottobre quando, al rientro dopo la sosta per le nazionali. A causa di questo infortunio muscolare al retto femorale sinistro, Schick salterà infatti i prossimi tre impegni della formazione capitolina con Udinese, Qarabag e Milan. Un bel problema per il tecnico romanista, che contava sul suo rientro per alternare i giocatori in questo momento della stagione particolarmente fitto di impegni: "Schick è arrivato a Roma con nemmeno cinque allenamenti con la palla fatti con la Sampdoria – ha dichiarato Di Francesco prima della trasferta di Benevento – Non era assolutamente pronto per giocare". Se il suo recupero rispetterà la tabella di marcia stilata dai medici, l'allenatore potrebbe riavere l'attaccante in occasione del big match casalingo contro il Napoli.