Potrebbe essere la settimana giusta per il nuovo allenatore della Roma e tutti gli indizi portano al portoghese Paulo Fonseca. Dopo essersi liberato dallo Shakhtar Donetsk, non proprio a costo zero visto che ha lasciato stipendi e bonus per circa 2 milioni, il nuovo allenatore della squadra giallorossa dovrebbe essere a Londra nella giornata di martedì per incontrare James Pallotta: il presidente, come da consuetudine,  vuole conoscere l'ottavo allenatore scelto nella gestione sua gestione e proprio in questa occasione verrà firmato il contratto biennale da 2,5 milioni netti più bonus, con opzione sul terzo, che lo legherà alla società capitolina.

C'è grande curiosità per questo summit in terra britannica e in tanto si chiedono se ci sarà anche Francesco Totti oppure ancora una volta l'ex capitano resterà dietro le quinte come spesso è accaduto nei suoi primi due anni da dirigente. In attesa di scoprire come il tutto si evolverà, verso il fine settimana Fonseca dovrebbe sbarcare nella Capitale per iniziare ad addentrarsi nell'universo giallorosso, prendere contatto con il centro sportivo di Trigoria e pianificare la prima parte di ritiro a Pinzolo, che potrebbe partire intorno al 30 giugno fino all'8 luglio per via dei preliminari di Europa League (start il 25 luglio).

Si lavora sul mercato

In questo incontro tra la dirigenza giallorossa e il tecnico portoghese si parlerà tanto anche di mercato. A Roma si teme la smobilitazione, con cessioni non banali visto che dovrebbe andare via gente del calibro di Edin Dzeko, Robin Olsen e Maxime Gonalons; ma già si pensa a come sostituirli con innesti freschi e giovani: si va dall'idea Ismaily, terzino sinistro dello Shakhtar; fino ai centrocampisti Marcos Antonio del Donetsk, Florentino del Benfica, Guimaraes dell'Atletico Parananse, Bennacer dell'Empoli e al sogno Van de Beek dell'Ajax, il calciatore più conosciuto del pacchetto e che fa gola a tante big d'Europa. Difficile capire in quale direzione si muoverà il futuro giallorosso ma la nuova sfida è già iniziata.