Zinedine Zidane torna ad essere l'allenatore del Real Madrid a poco più di nove mesi dalla vittoria della terza Champions League consecutiva e il successivo addio alla panchina della Casa Blanca. Dopo le indiscrezioni riportate dal quotidiano spagnolo Marca nelle ultime ore è arrivata la comunicazione ufficiale al termine della giunta direttiva delle ore 18:00 e già domani il francese dirigerà il primo allenamento. Zizou ha firmato un accordo di 3 anni e 3 mesi, con scadenza fissata dunque al 30 giugno del 2022. 

Per convincere Zidane ci sono volute due telefonate del presidente Florentino Perez e la consapevolezza da entrambe le parti che c'è bisogno di ricostruire in maniera radicale dopo un ciclo di vittorie importanti. C'è un doppio obiettivo da raggiungere un breve tempo: bisogna portare la squadra in Champions e recuperare alcuni giocatori come Marcelo, Isco e Bale, che sono stati messi un po' da parte nell'ultimo periodo.

Il comunicato

Questa la nota ufficiale apparsa sul sito del Real Madrid pochi minuti fa:

Il Junta Directiva del Real Madrid, riunitasi oggi, lunedì 11 marzo 2019, ha deciso di risolvere il contratto che legava Santiago Solari con il club come allenatore della prima squadra e, allo stesso tempo, il Real Madrid gli ha offerto di continuare a lavorare con il club. Il Real Madrid apprezza il lavoro svolto da Santiago Solari e l'impegno e la lealtà che ha sempre dimostrato a questa squadra.

Il Consiglio di amministrazione ha anche concordato la nomina di Zinedine Zidane come nuovo allenatore del Real Madrid con incorporazione immediata per il resto della stagione e le tre successive, fino al 30 giugno 2022. Il presidente del Real Madrid sarà presente oggi con Zinedine Zidane davanti ai media alle 20:00 nella sala stampa dello stadio Santiago Bernabéu.

I numeri di Zizou da allenatore del Real

Basandoci solo sui numeri si capisce in che modo il periodo di Zidane sulla panchina del Real Madrid sia stato a dir poco impressionante: in 149 partite la squadra di Zizou ha segnato 393 goal raccogliendo 104 vittorie, 29 pareggi e 16 sconfitte. Sono 9 i trofei vinti in poco più di due anni (gennaio 2016-maggio 2018).

I motivi del suo addio a luglio

Zinedine Zidane comunicò le dimissioni dalla guida tecnica del Real Madrid il 31 maggio 2018, appena 5 giorni dalla vittoria della terza Champions League consecutiva, sorprendendo tutti e portando alla luce un nuovo caso dopo le parole di Cristiano Ronaldo subito dopo la fine della finale di Kiev contro il Liverpool. Il tecnico francese annunciò così il suo addio al club spagnolo:

Ho preso questa decisione perché amo molto questo club, ma penso che oggi, sia per me che per tutti, sia meglio cambiare e non continuare l'anno prossimo. Questa squadra ha bisogno di nuove metedologie di lavoro per continuare a vincere.