Claudio Ranieri è tornato in Premier League per una nuova sfida, ancora più complicata e affascinante – se possibile – rispetto alla favola Leicester: salvare il Fulham e riportarlo nella zona tranquilla di una classifica che vede il club da inizio anno nelle ultime posizioni. Una missione quasi impossibile ma che ha già trovato un motivo di autostima importante per l'ambiente: il primo punto conquistato proprio contro il proprio passato, le Foxes.

La classifica recita ancora Fulham ultimo, a quota 9 punti dopo ben 15 turni e il prossimo incontro di Premier appare proibitivo: l'Old Trafford del Manchester United, la grande decaduta ferita ed arrabbiata. Una sfida impari, con un gap tecnico in campo enorme ma che non spaventa Ranieri, che già con il Leicester è riuscito a togliersi più di una soddisfazione.

Amici nemici

Ranieri e Mourinho non si sono mai tanto amati, sin dai tempi in cui lo Special era in Italia alla guida dell'inter, ma i trascorsi in Premier hanno lenito le ferite e dato il fianco alla stima reciproca. Tanto che quando proprio Ranieri venne allontanato dalle Foxes, ingrate con chi le aveva proiettate per sempre nella storia del calcio inglese, fu proprio il ‘nemico' portoghese a solidarizzare per il tecnico romano.

Carezze tra top manager

Adesso, ci sarà un nuovo incrocio pericolo solo: i due sabato si ritroveranno da avversari all'Old Trafford per la 16esima giornata di Premier League, ma stavolta la vigilia non ha vissuto alcun momento caldo, nessuna polemica, nessuna punzecchiata a distanza: "È stato il primo a mandarmi un messaggio di bentornato, è davvero un grande amico. Parliamo di tutto, è un uomo fantastico. Ci conosciamo da tantissimo tempo, da quando arrivò al Chelsea al posto mio, è stato molto gentile con me".

La gara perfetta

Gentilezze tra signori, ma in campo, non ci sarà rispetto per nessuno. Il Fulham, assicura Ranieri, giocherà per vincere o almeno per uscire da Manchester con un risultato positivo. Per farlo, servirà la gara perfetta, senza errori: "Lo United è una delle migliori squadre in Premier League e in Champions hanno fatto benissimo anche se sta attraversando un momento delicato. Vogliamo conquistare almeno un punto, per ottenerlo dovremo però fare la partita perfetta"