Donnarumma, Balotelli ma anche Zlatan Ibrahimovic. L'estate di Mino Raiola si preannuncia rovente. Il vulcanico procuratore è infatti pronto a recitare un ruolo da protagonista nel prossimo mercato, grazie alle tante richieste che gli sono arrivate per molti dei suoi assistiti. Nonostante la carta d'identità e l'infortunio che lo ha costretto a rimanere fuori nel momento cruciale della stagione, anche Ibrahimovic continua ad essere un giocatore desiderato da molti club. Il futuro dello svedese, che ha il contratto in scadenza il prossimo 30 giugno, è però ancora tutto da decifrare. "Resterà al Manchester United? Non lo so, ma parleremo presto con il club – ha dichiarato Raiola – In molti mi hanno chiesto di Ibrahimovic e sono sicuro che giocherà ancora un paio d'anni. Parlerò con lo United e vedremo cosa fare per il futuro. Major League Soccer? No, rimarrà in Europa".

Le fatiche di Zlatan

L'impressione generale è che il vento sia cambiato dalle parti di Manchester. Se fino a qualche settimana fa il rinnovo pareva molto difficile, c'è ora chi scommette sulla permanenza allo United del 35enne gigante di Malmoe: considerato una figura influente nello spogliatoio di Mourinho e sui giovani giocatori di Old Trafford. In attesa dell'incontro tra l'agente Mino Raiola e il vicepresidente esecutivo dello United, Ed Woodward, l'ex attaccante del Paris Saint-Germain sta lavorando duro per tornare il prima possibile: "Tra poche settimane sarò di nuovo in campo – ha rivelato Ibrahimovic a Sky Sport, subito dopo la conquista dell'Europa League – Sempre con lo United? Vedremo, questa è una bella domanda. Abbiamo vinto tre trofei (Community Shield, Coppa di Lega ed Europa League, ndr), si poteva fare meglio ma anche peggio".