L'anno prossimo Radja Nainggolan indosserà la maglia dell'Inter. L'operazione di calciomercato è sancita, gli accordi presi: alla Roma andranno 23.5 milioni di euro più un paio di contropartite tecniche. Ovvero, l'ex difensore del Newcastle, Santon, e il talento della formazione Primavera, Zaniolo. Manca solo l'ufficialità, che arriverà a breve dopo le rituali visite mediche e firma, ma l'affare può dirsi di fatto chiuso. Luciano Spalletti ottiene così il rinforzo che aveva chiesto per dare spessore, tattico e tecnico, ai nerazzurri anche in previsione della prossima avventura in Champions. Nella Capitale incassano un tesoretto da reinvestire subito per finanziare l'ingaggio di Javier Pastore in arrivo dalla Francia.

La cessione del ninja. E chi avrebbe mai pensato che il belga – in questo momento in vacanza perché non convocato dal ct Martinez per il Mondiale in Russia – fosse giunto alla sua ultima esperienza coi giallorossi? Nessuno, tant'è che nell'estate scorsa il centrocampista aveva rinnovato il contratto con la Roma fino al 2021 con stipendio di 4.5 milioni annui tra bonus e quota fissa. Mise nero su bianco e pose fine anche al chiacchiericcio di mercato legato al forte interessamento del Chelsea. Nainggolan restò in Italia e poche settimane fa spiegò la decisione come una scelta di vita. Insomma, nessuno poteva immaginarlo lontano dalla Capitale e da Trigoria, con un'altra casacca addosso, come avversario e in un altro stadio che non fosse l'Olimpico. Il ninja, però, sotto il Cupolone stava bene e ci aveva messo il cuore la prova è nella risposta a un messaggio privato della pagina Instagram Asromadaily pubblicato sui social.

Non credete che io stia benissimo a lasciare la Roma, ma a volte ti mettono di fronte a delle scelte – Nainggolan ha spiegato così le ragioni dell’addio.

Addio a malincuore. Le cose, invece, sono andate diversamente. E ‘quanto sei bella Roma' è un motivetto che adesso il belga mormora con un velo di tristezza. Passare all'Inter non è certo la cosa peggiore che gli potesse capitare (firmerà un nuovo contratto fino al 2022 e guadagnerà uno stipendio da 5 milioni netti a stagione), in fondo anche questo fa parte del calcio.