Gli olandesi non sono riusciti a ribaltare il già difficile risultato dell'andata quando in casa avevano vinto ma di misura, rimediando ben due reti. Oggi nel ritorno per il secondo turno preliminare di Champions League, il PSV ha dovuto chinare il capo in casa del Basilea con gli svizzeri che hanno festeggiato una vittoria di misura (2-1) ma sufficiente per proseguire il proprio sogno europeo. E' il risultato clamoroso delle gare in programma nella serata di martedì 30 luglio che ha visto facili qualificazioni per il Celtic, Olimpyakos e Apoel.

Psv ko, festeggia il Basilea

Per il tecnico Van Bommel un esordio europeo maledetto. La vittoria dell'andata per 3-2 aveva comunque lasciato accesa la fiammella della speranza ma a Basilea tutto si è spento in 90 minuti. Al St. Jakob-Park la squadra locale è riuscita ad imporsi 2-1 sul Psv ribaltando a proprio vantaggio il risultato dell'andata. Decisivo il gol del sorpasso svizzero, arrivato proprio quando il PSV ha sostituito Lozano,  siglato dall'olandese Ricky van Wolfswinkel a 22 minuti dalla fine, dopo le reti di Comert e Bruma.

Lanzafame avanti, Celtic show

C'è anche uno spicchio d'Italia a festeggiare la qualificazione al terzo turno. Il Ferencvaros di Lanzafame, pareggia 1-1 con la Valletta e prosegue l'avventura in Champions League. Con più gol ed emozioni il match che ha visto il Celtic confermarsi tra le favorite di questi turni preliminari. Gli scozzesi hanno regolato a suon di reti gli estoni del Kalju con un perentorio 2-0 in casa, dopo il già rassicurante 5-0 in Scozia.

Gli altri risultati di serata

Pavlovic ha trascianto l'Apoel (Cipro) con una tripletta , chiudendo i conti con il Sutjeska (Montenegro). In Israele, il Cluj (Romania) strappa il passaggio del turno pareggiando 2-2 contro il Maccabi Tel Aviv, dopo il successo per 1-0 dell'andata. Serata tranquilla anche per la Dinamo Zagabria, che bissa il successo in Georgia rifilando tre reti al Saburtalo: a segno Orsic, l'ex Catania e Bologna Petkovic e Dani Olmo.