Il giocatore e la modella Izabel Goulart – Twitter Neymar
in foto: Il giocatore e la modella Izabel Goulart – Twitter Neymar

Al turbolento romanzo d'amore tra i tifosi del Paris Saint-Germain e Neymar, si è aggiunto nelle ultime ore un nuovo capitolo. Fermo per infortunio dall'inizio di febbraio, e alle prese con la riabilitazione per poter tornare in campo il prossimo 18 febbraio nel primo match di Champions League contro il Borussia Dortmund, il giocatore brasiliano ha infatti mandato su tutte le furie la tifoseria del club campione di Francia per il suo ennesimo impegno extra calcio.

Come ha riportato il quotidiano spagnolo ‘AS', Neymar si è recato giovedì sera ad un evento di moda a Düsseldorf: un viaggio autorizzato dalla società parigina, che è servito alla stella della Selecao per promuovere la sua collezione di abbigliamento grazie ad una sfilata organizzata dal brand tedesco ‘Peek & Cloppenburg'. La trasferta in Germania non è però stata presa bene dai sostenitori del Paris Saint-Germain. Secondo la stragrande maggioranza di loro, il campione della Selecao avrebbe dovuto evitare di lasciare Parigi in un momento così delicato e continuare a concentrarsi sul suo recupero.

My gang 👊🏽

A post shared by ene10ta Érre 🇧🇷 👻 neymarjr (@neymarjr) on

Thomas Tuchel spegne le polemiche

A gettare acqua sul fuoco delle polemiche ci ha però pensato Thomas Tuchel. Il tecnico del Psg, durante la conferenza stampa andata in scena alla vigilia del match di campionato contro l'Amiens, ha infatti scagionato il suo giocatore: "Sapevo del suo viaggio da almeno quattro settimane e non ho avuto problemi ad autorizzarlo – ha spiegato il tecnico parigino – All'epoca il club mi chiese se fosse possibile far partire il giocatore, nonostante il nostro impegno a Digione in Coppa di Francia. Non ho dato nessun parere negativo ed il viaggio è stato organizzato. Esistono operazioni commerciali che possono far del bene anche al club, e ovviamente riflettiamo molto su queste richieste prima di far partire i giocatori. È chiaro che come allenatore vorrei che la sera tutti i miei ragazzi fossero nel loro letto, ma a volte bisogna prendere decisioni diverse e trovare dei compromessi".