Dopo aver eliminato Foggia e Pescara nei turni precedenti, la Sampdoria è tornata a Firenze dove aveva vinto lo scorso 27 agosto in occasione della seconda giornata di campionato. La Fiorentina di oggi, però, è tutta un'altra squadra. I viola hanno infatti confermato il loro momento positivo vincendo all'ultimo minuto grazie al secondo rigore di Veretout: assegnato prima dal Var e poi dall'arbitro Abisso. Sampdoria battuta e beffata, che esce però a testa alta anche dallo stadio gigliato. Nel quarto di finale, i viola giocheranno contro la vincete di Lazio-Cittadella.

Il gol lampo di Babacar.

In attesa della sfida di campionato con il Genoa, la Fiorentina ospita l'altra genovese per l'ottavo di finale di Coppa Italia. Reduce da tre risultati positivi (i pareggi in trasferta con Napoli e Lazio e la vittoria contro il Sassuolo), la squadra di Pioli dimostra di essere in una buona condizione dopo neanche 120 secondi di gioco. Tanto basta a Babacar per approfittare di un lancio di Benassi e battere Puggioni. Senza Quagliarella, risparmiato da Giampaolo e rimasto a Genova, la Sampdoria cerca di rispondere con Alvarez e Zapata: mai realmente pericolosi dalle parti di Dragowski.

Dopo un periodo di grande equilibrio, nel finale di primo tempo altre grandi emozioni con la Sampdoria più spigliata rispetto all'inizio. Al 33esimo la grande occasione capita però alla Fiorentina: Pezzella salta più in alto di tutti ma non trova il gol di testa. Sei minuti più tardi, è invece la formazione blucerchiata ad andare in gol. Sugli sviluppi di un corner, Barreto si ritrova il pallone sui piedi davanti a Dragowski e firma il pareggio che manda le due squadre negli spogliatoi.

La Fiorentina all'ultimo respiro.

Secondo tempo che comincia con Torreira in campo al posto di Capezzi e con la Fiorentina ancora in avanti. L'undici di Pioli si fa vedere con un colpo di testa di Astori e con un tentativo da fuori di Saponara, dopo un'uscita di Puggioni su Chiesa. Al 59esimo arriva il gol: Regini abbatte Babacar in area e obbliga l'arbitro Abisso ad assegnare il rigore. Dal dischetto non sbaglia Veretout e regala il nuovo vantaggio ai viola. Giampaolo corre ai ripari: fuori Alvarez, dentro Ramirez. Nei padroni di casa, invece, esce per problemi fisici Babacar e lascia il posto a Simeone.

La Sampdoria reagisce con veemenza e costruisce una tripla chance nel giro di pochi minuti: prima Dragowski chiude su Ramirez, poi Barreto e Caprari centrano rispettivamente traversa e palo. Esaurito il credito con la sfortuna, i blucerchiati trovano il giusto 2 a 2. Il merito dell'azione e del rigore del pareggio è di Gaston Ramirez: entrato in area dopo uno scambio con Barreto e steso da Astori. Nel finale assedio della Fiorentina e nuovo colpo di scena: Murru si sistema il pallone con il braccio, l'arbitro decide nuovamente per il penalty e Veretout segna il terzo e decisivo gol. Nella serata del Var, a sorridere e a trovare la qualificazione è dunque la Fiorentina. Nei quarti Pioli affronterà la vincente di Lazio-Cittadella.

vincente di Lazio-Cittadella