Daniele De Rossi ha deciso: lascia il Boca Juniors e si ritira dal calcio. Una decisione improvvisa, accolta come un fulmine a ciel sereno soprattutto in Argentina, lì dove De Rossi avevano imparato a conoscerlo e apprezzarlo nel corso degli ultimi mesi trascorsi tra le fila degli Xeneizes. Da diverse settimane c'erano dubbi sul futuro dell'ex Roma, ma gli ultimi segnali lasciavano pensare ad prosieguo della sua avventura sudamericana. De Rossi si stava allenando regolarmente con il Boca, dopo essersi allenato da solo nel corso delle vacanze natalizie trascorse a Roma, ed era in ritiro ad Ezeiza per la preparazione in vista della nuova stagione. Oggi ha lasciato da solo il quartier generale del Boca e immediatamente i giornalisti argentini presenti hanno compreso che stava succedendo qualcosa di non ordinario.

Perché De Rossi si ritira?

La motivazione della scelta, filtrata da ambienti vicini al Boca Juniors, riguarda la sfera privata. De Rossi avrebbe deciso di fare ritorno in Italia e ritirarsi a causa di problemi personali, non legati a questioni di salute ma seri al punto da costringerlo a fermarsi. La decisione è arrivata dopo pochi giorni dal rientro in Argentina, dopo le vacanze natalizie trascorse in Italia con la famiglia al completo (Gaia, la figlia più grande, non aveva seguito il padre a Buenos Aires). A Roma De Rossi aveva continuato ad allenarsi, regalando la sensazione di voler continuare l'esperienza con il Boca, anche per riscattare un semestre anonimo con poche presenze all'attivo. Nel frattempo, tra l'altro, il club aveva vissuto una fase di profondo cambiamento, con le elezioni che ne avevano stravolto i quadri dirigenziali. Anche l'addio di Burdisso, ex compagno di De Rossi alla Roma e principale fautore del suo sbarco Alla Bombonera, potrebbe aver avuto incidenza nella decisione che ha spiazzato tutti, dall'Argentina all'Italia.