La finale di Copa Libertadores tra Boca Juniors e River Plate non servirà solo a decretare la squadra più forte dell'America Latina del 2018 ma è una buona occasione per visionari dei prospetti interessanti che si sono messi in evidenza sia durante la Superliga Argentina che nell'arco della massima manifestazione continentale del Sud America. Ci sono tanti calciatori in maglia Xeneise e Millonaria finiti sui taccuini di club europei nei mesi scorsi e dopo questa ottima campagna in Libertadores potrebbero effettivamente sbarcare nel Vecchio Continente.

Pavon e Palacios subito, Almendra & co in futuro

Il primo indiziato a volare sull'Atlantico è Cristian Pavon, esterno offensivo del Boca Juniors classe 1996 che ha un contratto che scade a giugno 2022 ma a fine anno potrebbe fare le valigie: piace molto a Benfica e Roma. El Kichan si è già fatto conoscere al grande pubblico durante il Mondiale 2018 ma è con la maglia azul y oro che ha fatto e cose migliori: il numero 7 è molto forte in spazi larghi, grande atleticità e buona vena realizzativa. Un altro indiziato a partire per l'Europa nei prossimi mesi è Exequiel Palacios, centrocampista del River Plate. Questo classe 1998 si è messo il centrocampo dei Millonarios sulle spalle nonostante la giovane età e può giocare sia come "volante" classico che come mezz'ala in un centrocampo a 3: è stato accostato al Real Madrid e il suo procuratore ha confermato che sbarcherà in Spagna il prossimo anno.

Il nome più gettonato negli ultimi giorni è quello di Agustin Almendra: il centrocampista classe 2000  del Boca è dotato di grande fisicità e ha una propensione offensiva spicca, è solido nei contrasti, forte di testa, ma è altrettanto bravo con la palla fra i piedi. Davvero un prospetto interessante a cui l'Inter sta pensando seriamente.

Il terzino del River Gonzalo Montiel è un altro ottimo prospetto: difensore esterno che ha iniziato come centrale ma Marcelo Gallardo è riuscito a plasmarlo sulla fascia e ora è uno degli intoccabili. Il ragazzo '97 di González Catán ha ricevuto diversi feedback dal club spagnoli e portoghesi.

Da una parta all'altra: ecco il centrale del Boca Juniors Leonardo Balerdi, nato nel 1999, che porta in dote un grande fisico ed è molto forte di testa. Si è guadagnato la stima delle big europee, in particolare del Barcellona.

Martinez e Barrios: due '93 di grande spessore

Due uomini di cui cui Schelotto e Gallardo non possono fare sono Gonzalo Martinez,  più conosciuto come El Pity, e Wilmar Barrios. Il jolly offensivo del River Plate è l'uomo che accende la luce nei momenti difficili con la sua grande tecnica ed è spesso decisivo in momenti complicati o di lettura non semplice. Secondo quanto scrive la stampa statunitense l'Atlanta United avrebbe già versato i 15 milioni di dollari del cartellino ma non c'è ancora nulla di ufficiale.

Il centrocampista colombiano è l'uomo ovunque di Guillermo Barros Schelotto: si tratta di un mediano  che si muove davanti alla difesa e si fa notare per il grande movimento e la quantità di palloni recuperati/smistati durante la gara. È molto bravo nella fase difensiva ma sa accompagnare bene anche l'azione offensiva. Il Tottenham sarebbe sulle sue tracce, secondo quanto riferisce il Daily Star Sunday, ma il club londinese dovrà fare i conti con la concorrenza del Real Madrid, che nelle precedenti settimane aveva chiesto informazioni in merito al classe 1993.