Un grande spavento. Per fortuna null'altro di grave. A tenere sulle spine lo staff granata e i tifosi del Torino è stato il tecnico, Walter Mazzarri. Cosa gli è successo di così preoccupante? Ha accusato un malore che lo ha costretto – su espressa indicazione della società – a sospendere l'attività sportiva e ogni impegno agonistico alla guida della squadra per qualche tempo. Cosa gli è successo? Qual è stata la causa del malessere? E' qualcosa di grave? Nulla è trapelato al riguardo ma, a giudicare da quanto comunicato dalla stessa dirigenza, le condizioni dell'allenatore non destano timori particolari.

A rendere noti i particolari della situazione è il Torino che ha voluto subito chiarire come l'allenatore si sia "prontamente ripreso" e che la decisione presa dallo staff medico di sospenderlo temporaneamente dall'incarico sia stata solo "a scopo prudenziale" affinché Mazzarri possa svolgere ulteriori accertamenti ed esami approfonditi. Lunedì sera, in occasione del posticipo di campionato contro il Cagliari, l'allenatore non sarà in panchina ma tornerà a disposizione (come si apprende dal comunicato) quando avrà completato i test medici.

Il Torino Football Club comunica che l’allenatore Walter Mazzarri ieri ha avvertito un malore, di breve durata, dal quale si è prontamente ripreso – si legge nella nota ufficiale della società pubblicata sul sito e sui social network -. La Società e lo staff medico hanno deciso, a scopo prudenziale, di svolgere ulteriori approfondimenti. Per questa ragione il tecnico dovrà sospendere temporaneamente l’attività sportiva fino al completamento degli esami.

In classifica il Torino è a quota 17 punti (assieme al Parma e alla Fiorentina), a -2 punti dalla zona Europa League. Quattro vittorie, cinque pareggi e tre sconfitte è il bilancio di Mazzarri, con 17 gol fatti e 15 subiti. Granata col freno a mano tirato, pagano anche la stagione finora felice di Andrea Belotti in attacco.