Il nuovo Palermo va veloce, l'inizio del campionato non è lontanissimo e i due proprietari Mirri e Di Piazza nei giorni scorsi con l'a.d. Sagramola hanno scelto l'allenatore, Rosario Pergolizzi, palermitano doc che guidò per 3 partite la squadra in Serie A e che nell'era Zamparini è stato a lungo tecnico della Primavera, e Renzo Castagnini, dirigente di lungo corso che sarà il direttore sportivo. Nella giornata di oggi è arrivato il primo grande colpo di mercato. Il Palermo ha annunciato il ritorno di Santana.

Mario Santana è un giocatore del Palermo

Non è più giovanissimo, compirà 38 anni nel mese di dicembre, ma Mario Alberto Santana può fare ancora la differenza. Per lui è un gran ritorno in Sicilia, dove con la maglia rosanero ha giocato per tre stagioni, non consecutive tra il 2004 e il 2006. Prima di effettuare le visite mediche e di firmare il nuovo contratto l'esterno argentino ha detto:

Metterò il massimo impegno per cercare di riportare questa città dove merita: l'importante è sapersi rialzare, i palermitani lo sanno fare. Sono troppo felice ed emozionato di essere ritornato qui.

La carriera di Santana tra Napoli, Fiorentina, Palermo e le ultime stagioni con la Pro Patria

Classe 1981 Santana è stato uno dei tanti grandi colpi di Zamparini che lo prese dal San Lorenzo, dove vinse due trofei. L'ex presidente del Palermo lo portò al Venezia, poi al Palermo, con cui giocò oltre 100 partite in tre stagioni non consecutive. Passò alla Fiorentina, con cui diede il meglio, c'era Prandelli in panchina. Una breve esperienza al Napoli, otto presenze in pochi mesi. L'argentino poi non trova continuità, gioca con Cesena, Torino, Genoa, con l'Olhanense in Portogallo, di nuovo con il Genoa e infine con il Frosinone. Nel 2016 accetta la proposta della Pro Patria, diventa un baluardo di questo storico club con cui è grande protagonista nella stagione 2017-2018, segnò 16 gol in 31 partite, valsero il ritorno tra i professionisti. 3 gol in 31 partite nell'ultimo campionato di Serie C.