Il Liverpool è pronto a giocarsi la seconda finale di Champions League per la seconda volta di seguito. Onore e merito al progetto reds di Jurgen Klopp in grado di aver costruito una squadra seria, dalla mentalità giusta, pronta al traguardo più importante. Che vedrà come avversario o l'Ajax rivelazione del torneo o un derby tutto inglese con il Tottenham. Per la prima volta da cinque edizioni a questa parte, non ci sarà nessuno dei due giocatori più forti del  momento: Lione Messi e Cristiano Ronaldo.

L'inizio della fine?

A suo modo, dunque, un evento vero e proprio perché l'argentino e il portoghese hanno monopolizzato la scena mondiale dell'ultimo decennio tra record, Palloni d'Oro e Coppe internazionali. Un declino? Forse. Di certo è presto per dirlo ma è pur sempre un segnale che qualcosa sta cambiando nell'universo calcistico dei prossimi anni. Se l'ultimo Pallone d'Oro assegnato al croato Modric aveva messo fine all'egemonia del duopolio Messi-Cr7, adesso l'eliminazione del Barça ha chiuso anche il ‘ciclo' della Champions League.

Cinque edizioni di finali Messi-Cr7

Dall'edizione 2013-2014, almeno uno tra Lione Messi e Cristiano Ronaldo aveva un appuntamento fisso con la finale di Champions League. Barcellona e, soprattutto, Real Madrid avevano catalizzato l'attenzione generale attorno ai loro fuoriclasse, determinati e determinanti a restare sul trono più alto. Oggi, lo scenario è cambiato e il futuro non appare altrettanto roseo. I giovani incombono, nuove stelle stanno iniziando a brillare nel firmamento europeo e il cambio della guardia sembra alle porte.

La sfida tra Messi e Cristiano è stato un filo conduttore che a tratti è apparso indistruttibile nel corso delle ultime stagioni. La Pulce e CR7 si sono dati il cambio nel palcoscenico riservato ai grandi di sempre iniziando dal 2014, quando il portoghese ha spedito il Real Madrid sul tetto d'Europa nel derby contro l'Atletico. Poi, l'anno successivo, è stato il turno dei blaugrana di Messi, contro i bianconeri di Allegri. Poi ancora tanto Real, dominatore indiscusso delle ultime finali nel segno di Cr7.

L'addio al Pallone d'Oro

Tutto ciò aveva comportato anche un duopolio indiscusso nel Pallone d'Oro, con una staffetta che è durata dal 2008 allo scorso anno, con l'egemonia interrotta dal croato Luka Modric che ha bruciato sul finale tutti, grazie alla finale mondiale e alla stagione entusiasmante con la maglia del Real. Oggi, la Pulga e Cr7 staranno a guardare chi conquisterà il tetto d'Europa e – probabilmente – chi avrà la possibilità di alzare anche il prossimo Pallone d'Oro.