Un suo errore ha portato al fallo che è costato l'espulsione a Meret e a una gara diversa da come era stata preparata dal Napoli e da Carlo Ancelotti. Kevin Malcuit è uno dei protagonisti in negativo della serata del San Paolo perché la sua giocata ha compromesso la super sfida contro la Juventus e ha causato l'inferiorità numerica dei partenopei e il conseguente goal della squadra capolista della Serie A. Il terzino francese di origini marocchine ha effettuato un passaggio sciagurato all'indietro sul quale si è fiondato Cristiano Ronaldo che ha provato a dribblare Meret ma l'intervento del giovane portiere azzurro ha fermato la corsa del fuoriclasse portoghese verso la porta avversaria. Malcuit, che fino a quel momento era stato molto propositivo, ha accusato psicologicamente l'errore e durante l'intervallo è stato sostituito da Dries Mertens per provare a dare più brio alla manovra offensiva e a rimontare il risultato.

Bruno Satin, agente del calciatore, è intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli e ha raccontato come il suo assistito ha vissuto il post gara:

Un attimo di disattenzione può cambiare la partita quando giochi ad alti livelli. Poteva andare male male con l'espulsione di Meret e il gol subito. È stata una serata nera. Speriamo che Kevin riesca a reagire subito con la sua personalità. L'ho sentito, era dispiaciuto, ha chiesto scusa a tutti, soprattutto per compagni e tifosi. Capisce l'importanza di quest'errore fatto in una partita come quella con la Juve, che non è come tutte le altre. Aveva voglia di far bene, ha sbagliato, ma capita a tutti i calciatori. Speriamo che nelle prossime partite abbia la possibilità di rifarsi. Il giocatore ha bisogno del nostro sostegno in un momento difficile. Non è tutto da buttare, ha fatto tante cose positive da cui è arrivato. Per fortuna ora c'è l'Europa League.