L'inizio è stato difficile, ora ci stiamo riprendendo. Marek sta imparando come si gioca in Cina, è un calcio totalmente diverso.

Juraj Venglos, agente dell'ex centrocampista del Napoli Marek Hamsik, ha tracciato un bilancio della nuova esperienza del calciatore slovacco ai microfoni di Radio Crc. Il procuratore dell'ex capitano della squadra azzurra ha fatto riferimento alla differenza di calcio che vi è tra l'Italia e la Cina e di come con l'assenza di Marek la manovra partenopea abbia perso di qualità:

Il Napoli senza Marek? La sua cessione ha inciso sulla qualità del gioco. Abbiamo visto anche diverse partite, però, giocate bene senza lui è solo una questione di tempo, è cambiato il modo di giocare ma ciò non significa che il Napoli non giocherà bene senza Hamsik: Ancelotti ha bisogno solo di trovare le giuste soluzioni. Sicuramente Marek era un leader, ma è solo un passaggio, un periodo, che va metabolizzato.

In merito all'eliminazione in Europa League Venglos ha affermato: "Non ho potuto vedere il ritorno contro l'Arsenal ma penso sia normale essere eliminati da un club forte come quello inglese" e quando gli è stato chiesto se Carlo Ancelotti si fosse opposto alla cessione del suo assistito ha dichiarato:

Ancelotti d'accordo sulla cessione? Conosceva il desiderio di Marek e disse che aveva già trovato altre soluzioni di gioco senza di lui, non si è opposto alla sua cessione.

Infine l'agente dell'ex centrocampista del Napoli ha parlato del saluto che Hamsik avrebbe voluto fare ai suoi tifosi, ma non è stato possibile a causa della velocità della trattativa e del trasferimento in Cina, e che potrebbe esserci nel prossimo autunno:

 Il saluto? Ci sarà tra ottobre e novembre, quando finirà la stagione in Cina; ovviamente se ci sarà l'opportunità di tornare in estate, verremo senza dubbio.