Napoli-Juventus continua a modo suo. La partita di Coppa Italia, che segue di tre giorni quella di campionato, sembra davvero non finire mai: ed anche se, a differenza del match d'andata, non ci sono stati episodi arbitrali particolarmente contestati, la gara continua ad avere strascichi, anche a distanza di diverse ore. L'ultimo in ordine di tempo lo ha "causato" suo malgrado il capitano azzurro Marek Hamsik.

Nel finale, come prevedibile, non sono mancati momenti di tensione e, soprattutto, perdite di tempo da parte dei calciatori della Juventus. Sul punteggio di 3-2 in favore del Napoli, infatti, la paura di una "remuntada" stile Barcellona era palpabile nell'aria. E così qualche calciatore bianconero ne ha approfittato per perdere tempo a ripetizione magari dopo un semplice fallo di gioco, accasciandosi al suolo e costringendo l'arbitro a fermare la partita.

Tra questi, Juan Cuadrado: il suo atteggiamento ha rischiato di far degenerare la gara, e da fuori è sembrato quasi un atteggiamento irriverente. "Cuadrado, nei 7 minuti finali, si è buttato a terra 12 volte, è uscito per un finto crampo, è rientrato senza permesso", scrive su Instagram il popolare videomaker "sasoarts", che poi ha aggiunto: "Lazzaro nel Vangelo, al confronto, è un dilettante". Un post al vetriolo che ha scatenato la rabbia dei bianconeri e gli applausi dei napoletani. Tra questi, Marek Hamsik: il suo "mi piace" al post ha scatenato ulteriormente i tifosi della Vecchia Signora e contemporaneamente spinto quelli azzurri a puntare il dito contro il "simulatore", che già all'andata era finito nell'occhio del ciclone per il secondo, contestatissimo rigore bianconero. Napoli-Juve, insomma, prosegue sui social network.