Oggi ci è mancata la cattiveria di mercoledì. Siamo dispiaciuti, potevamo fare di più. Bisogna stare sereni e guardare avanti. Abbiamo ora una gara importante, che può significare tanto per la Champions League. Dobbiamo recuperare energie e pensare da subito alla prossima sfida.

Sono queste le parole che ha utilizzato il capitano del club azzurro, Lorenzo Insigne, al termine della gara tra Roma e Napoli, ai microfoni di Sky Sport. Il calciatore partenopeo ha parlato della prestazione della squadra all'Olimpico e ha continuato soffermandosi sul periodo che sta vivendo, battendo molto sul tasto della "serenità": "È un periodo un po' così: dobbiamo stare sereni. Quello che è successo mercoledì non ci ha aiutato; ora dobbiamo ripartire. Il campionato è lungo e dobbiamo continuare a lavorare". La prestazione del giocatore di Frattamaggiore è stata positiva ma all'83' ha lasciato il posto a Younes per l'assalto finale.

Insigne: Var deve esserci per tutti e sempre uguale

Lorenzo Insigne è tornato sull'episodio finale della gara, molto discusso, di mercoledì con l'Atalanta e ha voluto sottolineare come l'utilizzo del VAR debba essere sempre uguale:

Andare in campo oggi dopo quello che è successo mercoledì non era facile: oggi il responsabile del Var ha giustamente chiamato l'arbitro in occasione del primo rigore concesso alla Roma. Non lo contesto ma l'occasione di quello non fischiato a Llorente era simile. Il Var deve esserci per tutti e deve essere sempre uguale.

L'amareggiato capitano del Napoli ha concluso la sua intervista post-partita soffermandosi sul fattore psicologico che lui e i suoi compagni stanno attraversando: "Il fattore psicologico è importante. Ripeto, bisogna stare tranquilli. Ancelotti ci ha parlato oggi, lui ci può aiutare tanto a stare sereni".