"San Gennaro non ci sta aiutando perché ha altro a cui pensare…". Carlo Ancelotti esorcizza con una battuta la sfortuna che sembra perseguitare il Napoli in stagione: 20 legni colpiti per un totale di 11 punti in meno nella classifica di Serie A. E' successo anche nel match contro la Juventus: prima il palo centrato da Zielinski subito dopo il vantaggio bianconero poi il rigore calciatore da Insigne sul montante. "Dobbiamo migliorare noi ed essere più precisi", chiosa con un sorriso il tecnico. Per la serie: aiutati che il ciel ti aiuta… battute a parte, gli azzurri ripartono proprio dalla gara contro i bianconeri e dall'ottima prestazione che non ha lasciato "scorie a livello fisico e mentale – aggiunge il tecnico -. Ci sono stati alcuni piccoli errori determinanti. Siamo una squadra in salute, viva e motivata".

Salvate il sondato Insigne. Domenica sera ha abbandonato il campo con le lacrime agli occhi per la delusione e per la rabbia. A Insigne, protagonista dell'assist che ha innescato Callejon e l'azione del gol, è mancata la ciliegina sulla torta: la rete dal dischetto che avrebbe consegnato ai partenopei l'ultima scintilla d'orgoglio per tentare la vittoria nel recupero. Il ‘magnifico' sarà di nuovo in campo nella gara di Europa League contro il Salisburgo (andata degli ottavi di finale)

Non c'era bisogno che ci parlassimo… Solo chi non tira i rigori non li sbaglia – ha ammesso Ancelotti -. Lui si è sempre preso la responsabilità e continuerà a prendersela.

Le insidie del match contro il Salisburgo. L'anno scorso gli austriaci ribaltarono la sconfitta subita all'Olimpico contro la Lazio, la eliminarono al ritorno e giunsero fino alle soglie della finale. Avversario alla portata ma di tutt'altro spessore rispetto allo Zurigo che ha fatto solo passerella. Se in campo andrà lo stesso Napoli – per carattere e intensità agonistica che ha quasi eliminato Liverpool e Psg – nulla c'è da temere.

Ci sono molte squadre che possono vincerla, il livello è quasi uguale a quello della Champions League. Il Salisburgo aggredisce e gioca un calcio molto verticale. Tengono i ritmi molto alti diversamente dalla Juve. Bisognerà fare una partita intelligente ma senza rinunciare a comandare il gioco.

 

Le probabili formazioni di Napoli-Salisburgo

Quale Napoli schiererà Ancelotti nell'andata degli ottavi di finale di Europa League? Unici dubbi sulle corsie difensive: Hysaj e Mario Rui (al rientro) al momento appaiono favoriti rispetto a Malcuit e a Ghoulam. Coppia centrale formata da Maksimovic e Koulibaly davanti a Meret. Linea di centrocampo con Allan e Fabian Ruiz nel cuore della mediana, Callejon e Zielinski esterni Attacco con Insigne e Milik.

  • Napoli (4-4-2): Meret; Hysaj, Maksimovic, Koulibaly, Mario Rui; Callejon, Allan, Fabian Ruiz, Zielinski; Insigne, Milik.
    Salisburgo (4-3-1-2): Walke; Lainer, Ramalho, Onguene, Ulmer; Schlager, Samassekou, Junuzovic; Wolf; Dabbur, Minamino.

A che ora, dove vedere in tv e in chiaro la partita

Napoli-Salisburgo – andata degli ottavi di finale di Europa League – si gioca alle 21 e verrà trasmessa – oltre che sui canali Sky riservati agli abbonati – anche in chiaro su Tv8, il canale del digitale terrestre di Sky.