Sì al Napoli. Sì a Carlo Ancelotti. Sì anche alla richiesta fattagli dagli azzurri di attendere ancora qualche settimana. Fernando Llorente ha aperto al trasferimento in maglia azzurra, come rilanciato da Radio Kiss Kiss (emittente ufficiale del club partenopeo), consapevole però di essere il ‘piano b' rispetto all'obiettivo principale che resta Mauro Icardi. L'assenso oppure la reticenza dell'argentino è la chiave di volta delle prossime mosse confermate dalle ultimissime notizie di calciomercato.

James Rodriguez, il colpo da chiudere

Il Real ha già tagliato James Rodriguez, escludendo perfino la sua sagoma dallo spogliatoio e – numero di maglia a parte – negli store nemmeno figurano le icone con il colombiano. L'Atletico Madrid – concorrente principale – ha diretto attenzioni e investimenti su Rodrigo del Valencia. El diez dei Cafeteros ha l'accordo da tempo con il club di De Laurentiis e una sorta di patto di ferro con Carlo Ancelotti, il tecnico che più di tutti è stato capace di esaltarne le qualità sia tra le fila delle merengues sia al Bayern Monaco.

Fernando Llorente, sì ai partenopei

Cosa significa? Per costi a bilancio e possibilità di spesa, dopo aver chiuso la transazione con il Psv Eindhoven per Hirving Lozano (42 milioni, 4.5 netti a stagione al calciatore) non puoi permetterti di sprecare cartucce… e allora o fai all-in sul 9 nerazzurro (60 milioni all'Inter, 8.5 netti al calciatore) oppure convergi tutti gli sforzi sul ‘bandito' (con la formula del prestito con diritto a 42 milioni che può diventare obbligo a certe condizioni, ingaggio da 6.5 milioni) e sulla punta basca, ex della Juventus e svincolata dal Tottenham, che rappresenta un ottimo affare per il rapporto qualità/costi (stipendio da 2.5/3 milioni).

La strategia degli azzurri a due settimane dalla fine del mercato

Al netto di cessioni clamorose che potrebbero maturare nelle prossime ore (l'addio di Milik in direzione Roma contestualmente all'acquisto di Icardi), è questo l'asse sul quale è concentrato il Napoli. E l'assenso di Llorente, pedina che porta in dote presenza fisica in area di rigore e rappresenta una ulteriore risorsa tattica, è nel solco dell'agosto caldissimo annunciato poche settimane fa da Aurelio De Laurentiis.