Il Napoli sprofonda. La squadra partenopea ha perso in casa anche con la Fiorentina. Il San Paolo è diventato terreno di conquista, questa è addirittura la quarta sconfitta consecutiva casalinga per i partenopei e tra otto giorni arriva la Juventus. Quei timidi segni di risveglio mostrati contro Inter e Lazio sono svaniti contro i viola che, ben messi in campo, hanno conquistato un bel successo. Iachini ha vinto nettamente la partita a scacchi con Gattuso, che ha perso la quarta partita su cinque in Serie A da tecnico del Napoli.

4 sconfitte per Gattuso con il Napoli

Il cambio di allenatore non ha giovato al Napoli che nelle cinque partite di campionato disputate agli ordini di Gattuso ha ottenuto solo tre punti. Quattro ko, tre addirittura in casa, e un successo in casa del Sassuolo. In pochi potevano immaginare uno score così brutto con l'ex milanista in panchina. I partenopei incassano sempre gol e soprattutto fanno una fatica enorme a segnare, nelle prime due sfide dell'era Gattuso, che a questo punto rischia di essere molto breve, la verve di Mertens era stata determinante, e nelle prime tre partite del 2020 il Napoli, senza il belga, ha segnato solo un gol, ne ha incassati sei e ha ottenuto zero punti. E abusando di una frase classica si può dire che al peggio non c'è mai fine.

La deludente classifica del Napoli

La classifica è sempre più negativa, domenica sera potrebbe essere ancora peggiore, perché il Napoli può essere superato anche da Bologna e Verona, e nel prossimo turno c'è la Juventus del grande ex Sarri. I partenopei non guardano più al quarto posto e tra qualche settimana rischiano di non guardare più nemmeno al sesto posto, l'ultimo utile per l'Europa. Gennaio non è finito e la stagione degli azzurri rischia di dover già finire in archivio, ma bisogna chiuderla bene, non solo per l'orgoglio perché un po' di punti servono per arrivare quantomeno nella top ten. E ora tocca a Gattuso lavorare anche sulla testa dei suoi giocatori.