E' il giorno di Carlo Ancelotti che presenta la nuova stagione dal ritiro del Napoli. Il tecnico ha in mano una rosa che si sta trasformando, con diversi punti fermi e nuovi inserimenti su cui lavorare. Al momento sono più gli arrivi che le partenze e questo è un segnale che il popolo partenopeo ha recepito più che positivamente, con la volontà di andare ad insidiare la Juventus capolista. Manca ancora il ‘grande' colpo – rappresentato al momento dalla trattativa su James Rodriguez – ma l'arrivo di Manolas in difesa per far coppia con Koulibaly è più di un indizio di rafforzamento.

Un Napoli ancora più forte, motivato e completo

Saremo in linea con quello dell'anno scorso, ma ovviamente vogliamo fare meglio. Non è stato fatto tutto quello che era nelle nostre possibilità, nella seconda parte della stagione mi è rimasto un po' di rammarico. Sono convinto che sarà un Napoli migliore rispetto all'ultima stagione, con meno incognite dal punto di vista tattico.

Un progetto dunque  che continua sulla falsa riga del lascito di Sarri e di quanto costruito l'anno passato. Nessuna rivoluzione, tante idee e un solo scopo: ridurre il gap con i bianconeri, diventare più competitivi in Italia e in Europa. L'intenzione è di puntare a vincere qualcosa, scudetto, Coppa Italia o altro fa poca differenza: "Noi dobbiamo ambire a giocare per vincere. Dobbiamo alzare l'asticella per riuscire a vincere qualcosa. Sicuramente ho meno incognite e preoccupazioni rispetto all'anno scorso. Consolideremo le nostre certezze e vogliamo ripartire dalla bella vittoria contro l'Inter, magari avendo più continuità."

I nuovi arrivi e chi arriverà (Icardi e James)

Sarà un Napoli più forte, più ricco, più completo. Il calciomercato tiene banco nella conferenza stampa, con i nuovi arrivati e i possibili colpi a venire: "Di Lorenzo sarà alla prima esperienza in una squadra importante. Mi auguro che i miglioramenti visti ad Empoli possano continuare qui a Napoli. Sono contento di aver visto bene Allan, Fabian Ruiz e Ounas, torneranno motivati e più esperti"

Icardi? E' un ottimo giocatore apprezzato da molti, non solo da me. Per il Napoli è positivo che certi giocatori vengano accostati con credibilità. James? Vogliamo fare un calcio di qualità. James lo conosco molto bene, ma al momento non è un giocatore del Napoli: valuteremo occasioni e momenti. Quanto a Manolas, credo che con Koulibaly formerà una coppia di difensori centrali morto forti.

 

Ripartire da Insigne e Mertens

Tra i giocatori che sono rimasti, Ancelotti non ha dubbi sul fatto che potranno rendere ancora al 110 per cento. Iniziando dal capitano, Insigne, fino a Mertens, due nomi che erano stati accostati al mercato in uscita: "Su Insigne sono sereno: ha fatto bene all'inizio e nel finale nella scorsa stagione. E' il nostro capitano e mi aspetto un atteggiamento da capitano. Mertens?  ha fatto molto bene e Milik che ha fatto un'ottima stagione dopo due anni di inattività. Non mi focalizzerei su un a ulteriore punta d'area, ma su un giocatore che migliori la qualità della rosa"

Da Sarri e Conte, ulteriore spinta per il Napoli

Infine, un occhio alle avversarie a due colleghi in particolare, Conte e Sarri finiti sulle panchine delle due dirette avversarie per la prossima stagione: "Felice per Antonio che sia tornato in Italia, Sarri alla Juve? Siamo professionisti.  La Juve è la squadra da battere, ma l'Inter renderà più incerto il campionato ed è un problema in più per noi. Un campionato più competitivo avvantaggia un po' tutti".