Si è sempre detto che Nainggolan è passato la scorsa estate all'Inter perché fortemente voluto da Spalletti. Questo è sicuramente vero, ma in un'intervista rilasciata a ‘Eleven Sport', Nainggolan ha detto di aver lasciato il club giallorosso a causa di Monchi: "Se fossi rimasto alla Roma con Monchi avrei scatenato una guerra mondiale". 

Il Ninja ha criticato aspramente l'ex d.s. della Roma e ha svelato che Monchi a sua insaputa ha cercato di cederlo in Turchia. Nainggolan lo scoprì, volarono parole grosse tra i due. Il belga chiese alla società di fare una scelta, non potevano rimanere sia lui che l'uomo mercato spagnolo:

Ho avuto uno scontro di opinioni con lui. Non si è comportato professionalmente nei miei confronti, un’ulteriore conferma che il mondo del calcio è totalmente falso. Se mi avesse detto chiaramente che avrebbe voluto vendermi, io gli avrei risposto positivamente senza alcun problema. Invece mi ha ignorato e a mia insaputa ha mandato intermediari in Turchia per vendermi. Ho capito allora che non sarei potuto rimanere alla Roma. O lui o io. Se fossi rimasto con Monchi alla Roma avrei scatenato ogni giorno una guerra mondiale.

Nainggolan è ripartito dall'Inter, l'annata non è stata fin qui eccezionale, per colpa anche di tanti infortuni muscolari. Il belga, compirà trent'anni a maggio, sa che non essendo più un ragazzino non può chiedere troppo al suo fisico e svela anche che l'Inter gli ha suggerito uno stile di alimentazione:

Devo imparare a capire meglio il mio corpo. Prima giocavo cinquanta partite senza avere mai un problema muscolare, invece adesso mi fermo in continuazione. È una cosa molto frustrante. L’Inter preferisce che mangi a casa cibo nutriente, sono piccole cose che sicuramente possono aiutare. Nel frattempo ho perso peso e ho anche smesso di fumare. Non è facile, ma ci sto riuscendo.