La prima reazione, quella che scatta d'impulso quando scorrono le immagini alla moviola, è: ma che razza di rigore ha dato? La Roma va su tutte le furie sia per il penalty che il signor Banti di Livorno concede alla Fiorentina nel primo tempo sia per il Var (c'era Orsato) che resta silente nell'occasione quando invece – come sottolineato dal diesse Monchi nel dopo gara – sarebbe stato necessario un suo intervento. Cosa è successo? Perché i giallorossi hanno ragione a protestare? Possibile che non vi fossero dubbi sull'assegnazione della massima punizione? Vediamo cosa dicono le immagini.

Simeone, scarpa in faccia a Olsen e l'arbitro dà rigore alla Viola

L'episodio incriminato capita alla mezzora del primo tempo. Tutto nasce da una clamorosa disattenzione commessa dalla Roma: Cengiz Under è l'autore del retropassaggio azzardato che innesca Simeone e gli consente d'involarsi verso la porta difesa da Olsen. Il portiere svedese tenta l'uscita bassa e sembra toccare l'attaccante della Viola. L'argentino, con furbizia, trascina la gamba destra e colpisce al volto l'estremo difensore prima di cadere in area. Per l'arbitro Banti non c'è alcun dubbio: è rigore, nonostante le proteste della Roma che chiedeva invece il fallo in attacco commesso dal Cholito.

  • Perché Banti non ha espulso Olsen? Se ha ritenuto il suo intervento palesemente irregolare sì da fischiare il rigore su Simeone lanciato a rete allora avrebbe dovuto estrarre (anche) il cartellino rosso. E se lo avesse fatto avrebbe penalizzato ulteriormente la Roma.
  • Perché il Var non è intervenuto? Nonostante le immagini mostrino un contatto minimo tra Olsen e Simeone (col portiere che riceve una scarpata in faccia) dalla control room tutto tace. Restano i dubbi su entrambe le decisioni.

La rabbia di Monchi, Di Francesco diserta la sala stampa

La gara tra Fiorentina e Roma finisce 1-1 ma sull'esito del match pesa la decisione del direttore di gara, Banti. Ne è convinto l'entourage giallorosso che, in polemica, non manderà Di Francesco in sala stampa. A parlare per tutti sarà il direttore sportivo, Monchi.

Purtroppo una giocata ha cambiato la partita – le parole del dirigente -, non ho mai parlato dell'arbitro in 18 mesi che sono in Italia perché credo che dal campo sia difficile giudicare, ma c'è il Var che può aiutare in situazioni come queste. La Fiorentina ha fatto gol su rigore, con un rigore che tutti dicono che non c'è.