Ha qualche sassolino da togliersi José Mourinho, che dopo essere stato esonerato dal Manchester United lo scorso dicembre si è goduto un po’ di vacanze e poi si è messo a commentare le vicende del calcio mondiale. E adesso nel mirino del portoghese sono finiti il suo nemico giurato Pep Guardiola, che ha bissato il successo in Premier League ma è fuori dalla Champions, e Jurgen Klopp, che rischia di chiudere la stagione senza trofei.

Klopp, zero tituli in 3 anni e mezzo

Mou ha usato un escamotage classico, che tanti scrittori hanno usato, ha parlato di se stesso e del suo futuro per criticare i tecnici del Liverpool e del Manchester City, che vengono sempre puntualmente accontentati dai rispettivi presidenti in sede di calciomercato. Klopp non porta a casa trofei, da un bel po’:

Mi piacerebbe andare in un club ed essere in grado di fare, per esempio, quello che hanno fatto Jürgen e Pep. Se guardi la squadra con cui il Liverpool ha iniziato la partita, quanti giocatori c’erano prima che arrivasse? Jurgen è lì da 3 anni e mezzo e non ha vinto nulla, ma ha ancora la fiducia e le condizioni per poter andare avanti. In questa stagione hanno una grande opportunità, sarebbe la prima volta che vincono un titolo.

La frecciata a Guardiola

Nell’intervista rilasciata a ‘As’ l’ex allenatore di Inter e Chelsea non ha risparmiato la solita stoccata a Guardiola, e ha preso spunto dal calciomercato estivo del 2017 in cui il Manchester City cambiò tutto il reparto difensivo e prese anche un altro portiere:

Quando Pep non era soddisfatto con i quattro difensori, nella stessa estate ne ha comprati quattro nuovi. Poi quando ha comprato Claudio Bravo non è rimasto soddisfatto e la stagione successiva ha preso Ederson. Prima del mio prossimo lavoro con un club, non inizierò senza sapere cosa il club vuole e cosa offre in termini di struttura e obiettivi.