13 Giugno 2014
16:25

Mondiale, Ficarra: “Sono il sosia di Marcelo del Brasile” (video)

Ficarra come Marcelo, separati alla nascita. L’incredibile somiglianza dell’attore con il calciatore del Real Madrid ha scatenato l’ironia della Rete.
A cura di Maurizio De Santis

"Tuo padre è tuo. Mia madre è tua. I miei genitori sono tuoi… è mai possibile che è tutto tuo?!?!". Una sorta di ‘il sette e l'otto' (involontario) in chiave Mondiale in Brasile. Com'è possibile? La somiglianza tra Marcelo (esterno del Real Madrid e della Seleçao) e Ficarra (attore e conduttore di Striscia la Notizia) ha fatto il giro del Web e fatto impazzire la Rete che s'è sbizzarrita a ironizzare sull'affinità tra il calciatore e il popolare comico. Lui, Ficarra (alter ego di Picone sul palcoscenico) sta allo scherzo e, ai microfoni di Rai Radio2 ‘Un Giorno da Pecora Mundiao', si cala nei panni del difensore sudamericano protagonista dell'autogol che ha regalato il momentaneo vantaggio alla Croazia. "Diciamo che ultimamente circa un milione e mezzo mi hanno detto che gli somiglio – ha ammesso -. Ci hanno mandato foto e mail e anche a Striscia hanno mandato un filmato a mia insaputa". In effetti, la somiglianza è notevole… "Non so perché, mio padre girava molto ma il motivo di questa somiglianza lo ignoro". Ma come si giustifica il Ficarra/Marcelo per la clamorosa autorete? "Può capitare, non buttatemi la croce addosso!".

L'Argentina vince la Copa America dopo 28 anni d'attesa: Brasile battuto 1-0 al 'Maracanà'
L'Argentina vince la Copa America dopo 28 anni d'attesa: Brasile battuto 1-0 al 'Maracanà'
Il coro di sfottò che i brasiliani si auguravano di non sentire: "Brasil, decime qué se siente"
Il coro di sfottò che i brasiliani si auguravano di non sentire: "Brasil, decime qué se siente"
672 di Sport Viral
Argentina-Brasile, la sfida eterna in finale di Copa America: al Maracaná incubi e tensioni
Argentina-Brasile, la sfida eterna in finale di Copa America: al Maracaná incubi e tensioni
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni