Un alone di mistero è calato durante il match tra la Juventus e il Genoa allo JStadium. Sulle tribune, infatti, sono apparsi ad inizio partita inquietanti figure: 11 uomini incapucciati con un lungo saio nero su cui era riportato uno stemma sconosciuto. Si sono seduti in tribuna, ad assistere alla partita, tra lo sgomento e lo stupore generale. Probabilmente sarà l'ennesima trovata pubblicitaria, ma di certo vedere quegli strani personaggi che sembrano direttamente arrivati da un mondo alieno ha fatto parlare molto i tifosi presenti allo stadio e gli addetti ai lavori. Anche perchè non è un fatto totalmente nuovo nel mondo del calcio. Stessi inquietanti personaggi erano stati avvistati anche in altre parti del globo, durante un'altra partita di calcio, in Bundesliga, in un altro tempio del mondo del pallone l'Allianz Arena, durante Bayern Monaco-Hertha Berlino.

 

Mysterious CirclesIl vincitore prende la terra – Non solo, il loro logo sconosciuto è stato avvistato in varie parti del mondo, da New York a Londra a Rio de Janeiro e nessuno è riuscito ancora a spiegarne il significato e la provenienza. Tutto è iniziato proprio una settimana fa quando sulla cima del colle Pan di Zucchero sono apparsi dei grossi segni luminosi. Misteriosi crop circles, ovvero "cerchi nel grano", con un pallone al centro che hanno lasciato di stucco gli abitanti della zona. ll bizzarro ologramma è rimasto illuminato per più di due ore prima di scomparire, quando a un certo punto è apparsa chiaramente una scritta: #WINNERTAKESEARTH ossia "il vincitore prende la terra".

 

Mysterious circles appear on the EarthApparizioni e simboli in vista di Brasile 2014? – Al di là della bizzarria delle apparizioni e dei loro legami con il mondo del pallone è verosimile pensare che i simboli "alieni", le strane apparizioni e in ultimo gli undici misteriosi incappucciati siano legati con ogni probabilità ad una nuova e stravagante trovata pubblicitaria, probabilmente legata ai Mondiali in Brasile. Le prossime "testimonianze" contribuiranno comunque a risolvere il mistero che ha divertito anche gli spettatori dello JStadium.

Articolo sponsorizzato