Brutta gara a Marassi giocata sotto tono da entrambe le squadre che hanno sentito il peso dei punti in palio. La Roma per la Champions League, il Genoa per la zona salvezza. Ne nasce un match giocato male, con diverse occasioni da gol da entrambe le parti, che si accende solamente nei 10 minuti finali. Ad aprire le danze è la Roma con El Shaarawy che trova il break dell'1-0 con un colpo al volo in area di rigore. Poi, c'è la reazione del Genoa che in zona recupero prima trova il pareggio con un colpo di testa Romero e poi si procura il rigore con Sanabria atterrato da Mirante. Dal dischetto però il portiere non si fa superare e la gara termina 1-1

Più Grifone che Lupa

Porta principale per la Champions League, la Roma ci prova anche a Marassi contro un Genoa però impegnato a salvarsi. Dopo una vigilia intrisa di polemiche e davanti ai risultati di Inter (pareggio a Udine) e dell'Atalanta (vittoriosa contro la Lazio), alla Roma non resta che vincere. Ma a fare la gara è più la squadra di casa che approccia al match nel modo migliore: nei primi 20 minuti, il Grifone ha almeno 4 occasioni da gol importanti, con Lapadula, Veloso e Kouame.

A reti inviolate

La Roma gioca peggio nei primi 45 minuti, non riesce quasi mai a ingranare soffrendo il Genoa. Il primo squillo lo suona Fazio, poi il solito Dzeko si divora l'occasione del vantaggio ma il primo tempo si conclude ancora con il Genoa in avanti alla ricerca del gol che spezza gli equilibri.

Equilibrio sovrano

Anche la ripresa scivola via senza sussulti con le due squadre che portano sulle spalle il peso del risultato: in caso di sconfitta, per entrambi tutto si complicherebbe in zona retrocessione e zona Champions. Anche Prandelli e Ranieri non hanno le idee chiare senza compiere cambi per cambiare gli equilibri in campo.

I cambi di Ranieri e Prandelli

Il primo a rompere gli indugi è Ranieri che alza il baricentro della squadra prima inserendo Schick per Pellegrini, poi togliendo l'ammonito Zaniolo per Kluivert. Prandelli prova a rispondere togliendo un generoso Lapadula per il semprevivo Goran Pandev.

Break di El Shaarawy

Negli ultimi minuti il ritmo si alza, la partita diventa finalmente più interessante e a prendere le redini del gioco è la Roma che a 10 dal termine passa in vantaggio con un colpo al volo di El Shaarawy. Il Genoa prova a reagire ma non riesce a rimettere in bolla la gara e finisce con una sconfitta che non lo allontana dalla zona retrocessione a 3 turni dalla fine.

Reazione Genoa: Romero

Il Grifone si riversa in avanti, alla ricerca del pareggio che sarebbe anche meritato. E l'1-1 arriva quasi subito dopo: in zona recupero sugli sviluppi di un corner Romero schizza in alto e supera un Mirante disattento, con un preciso colpo di testa. Gara di nuovo in equilibrio e che finisce con un punto a testa. In pieno recupero l'appena entrato Sanabria si procura anche un rigore che però sbaglia facendosi parare da Mirante.