Sabato 26 gennaio è in programma Milan-Napoli, sarà uno dei tre anticipi della seconda giornata di ritorno. Qualcuno aveva detto che il match avrebbe potuto cambiare orario, ma non sarà così. Il vice-premier Matteo Salvini ha detto che la partita si rivolgerà regolarmente e spera che non ci sarà alcun divieto, nessuna limitazione né per l’accesso allo stadio né per la vendita dei biglietti.

Salvini: “Nessuna limitazione per Milan-Napoli”

Dunque nessun cambio di orario e nessuna limitazione per le tifoserie di Milan e Napoli. Il ministro degli Interni Matteo Salvini, parlando con la stampa, ha detto che la partita si disputerà nell’orario stabilito, ma ha anche dichiarato che se ci saranno problemi di ordine pubblico verranno poi prese delle misure forti:

Punto sul buonsenso, sulla responsabilità e sulla correttezza delle tifoserie di Milan e Napoli oltre che sulla professionalità delle forze dell'ordine. Per questo sono felice di confermare che la partita di sabato sera Milan-Napoli si svolgerà normalmente: non ci saranno limitazioni di vendita di biglietti o di accesso allo stadio. Non vogliamo togliere il diritto a un sano divertimento alla stragrande maggioranza dei tifosi perbene. Ovviamente, in caso di eventuali problemi per l'ordine pubblico agirò di conseguenza.

Milan-Napoli, in campo sabato 26 gennaio

Si affronteranno due volte nel giro di quattro giorni il Milan e il Napoli, prima in campionato e poi in Coppa Italia (nei quarti di finale). Nella partita di campionato torneranno in campo Koulibaly e Insigne, che proprio a San Siro, contro l’Inter, hanno disputato l’ultima sfida di Serie A. Entrambi furono espulsi dall’arbitro Mazzoleni. Insigne per un fallo di reazione su Keita, il difensore senegalese invece vide il rosso dopo aver applaudito ufficialmente l’arbitro, ma sia il calciatore che il Napoli hanno sostenuto che applaudì ironicamente i tifosi che lo avevano offeso con ululati razzisti.