Nikola Kalinic vuole solamente il Milan. Il punto è che il club rossonero avrebbe volentieri anche valutato alternative di gennaio sulla punta ex Fiorentina che non è sbocciata né sotto le direttive di Montella né sotto le volontà di Gattuso. Un mezzo acquisto che ha già infastidito molti tifosi e che non piace ad una Curva che si attendeva gol importanti e decisivi soprattutto per la Zona Champions, vero principale obiettivo stagionale. Invece, davanti alla possibilità di trasferirsi in Cina, Kalinic avrebbe rifiutato confidando nel riscatto al Milan.

Il rifiuto di andare in Cina.

Rendimento basso, pochi gol, molte critiche. Eppure tutto ciò non ha frenato il mercato attorno a Kalinic, punta classe '88 arrivato in Italia dal Dnipro e che adesso interesserebbe diversi club cinesi. Proprio in Oriente si stanno facendo avanti con il Milan con offerte concrete per il giocatore riaccendendo il colpo di fulmine di un anno fa, quando il suo passaggio al Tianjin Quanjian di Cannavaro sembrava cosa fatta.

4 gol, 3 assist, 25 milioni.

Se il Milan era pronto a trattare e a valutare le offerte per capire come muoversi sul mercato di gennaio, Kalinic, però, ha già rispedito tutte le proposte al mittente, visto che non ha intenzione di lasciare la maglia rossonera. Malgrado tutto:  4 gol e 3 assist in 20 partite per il centravanti croato. Non certo una valutazione da top player o comunque da prima punta richiesta e cercata ad agosto. Troppo poco per l'attaccante che è stato pagato dalla società di via Aldo Rossi, complessivamente, 25 milioni di euro e che avrebbe dovuto giocarsi un posto da titolare con l'altro neo arrivo, Andrè Silva.

L'esplosione di Cutrone, bomber a costo zero.

L'ultimo derby di Coppa Italia è stata la cartina di tornasole sulle scelte che Gattuso sarà obbligato a fare: con Kalinic in campo il Milan no nsegna, ancor meno se in avanti c'è Andrè Silva, quasi inoffensivo in campionato. L'unico che rende e risponde alle aspettative è Patrick Cutrone, che è stato prelevato dalla Primavera e che – a costo zero – si sta rivelando il reale colpo di mercato di agosto quando i rossoneri hanno resistito alla tentazione di mandarlo in prestito.