Sotto traccia continua il dialogo tra il Napoli e Mauro Icardi in questi giorni estivi di calciomercato. L'attaccante argentino è ai minimi storici con l'Inter e una sua cessione è oramai imminente dopo aver abbandonato il ritiro di comune accordo con il club. La pista italiana più calda non è la Juventus, come sembrava potesse diventare tra maggio e giugno in uno scambio interessante con Paulo Dybala, ma è il Napoli, interessata al giocatore.

Carlo Ancelotti gradirebbe una punta dalle qualità e caratteristiche di Icardi per il suo attacco da rinnovare e Aurelio De Laurentiis sarebbe pronto a mettere mano al portafogli, non prima però di aver imbastito una trattativa volta evidentemente al ribasso. Intanto, Giuntoli avrebbe già mosso i primi passi entrando in contatto direttamente con l'entourage di Maurito, cioè Wanda Nara moglie e procuratrice dell'argentino.

Icardi sempre più lontano dall'Inter

Si è a livello di sondaggio, nessuna proposta è stata effettuata da parte del club partenopeo, nessuna trattativa è stata imbastita con l'Inter che detiene ancora a tutti gli effetti la proprietà del cartellino dell'attaccante argentino. Ma il Napoli si sta muovendo e sembra che da parte del giocatore non dispiaccia l'ipotesi di una partenza per Napoli dove troverebbe spazio e un ambiente pronto a sostenerlo.

Quanto costa Icardi, perché il Napoli non si espone

Ovviamente da un punto di vista tecnico e tattico Mauro Icardi non si discute. Il problema, delicato, resta semplicemente la questione economica. Il Napoli non ha fretta, sa che Icardi dovrà lasciare l'Inter e che l'Inter sarà costretta alla cessione. Con un conseguente abbassamento del prezzo di mercato. Dai 100 milioni iniziali, adesso Icardi non vale più di 70-80 milioni, la cifra che i nerazzurri vorrebbero realizzare. Ma la sensazione è che l'argentino verrà ceduto per meno e a quel punto ADL farà la sua offerta.