La vittoria della Juventus a Firenze, passerà alla storia anche per ciò che è successo qualche ora prima del match all'esterno dello stadio. Qualcuno ha infatti offeso la storia bianconera, con una delirante scritta su un muro inneggiante alla strage dell'Heysel e alla tragica morte di una delle bandiere juventine più amate da tutti i tifosi: "-39, Scirea brucia all'inferno". Un episodio che ha ovviamente colpito l'opinione pubblica, prima della cancellazione avvenuta qualche minuto prima del fischio d'inizio.

Le parole di Renzi

Anche lui in tribuna per seguire la Fiorentina, da sempre la sua squadra del cuore, l'ex Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha commentato in maniera dura quelle offese lasciate su un muro vicino allo stadio Franchi: "Chi ha scritto le frasi contro Gaetano Scirea e contro i morti dell’Heysel non è degno di Firenze e della sua storia di civiltà – ha dichiarato Renzi – Un gesto idiota, da condannare senza esitazione da parte di tutti. Bene ha fatto il Sindaco Nardella a dare ordine di rimuoverle subito".

Il tweet del Sindaco Nardella

Tempestivo nel far cancellare il vergognoso insulto, il primo cittadino del capoluogo toscano ha twittato tutto il suo sdegno per l'accaduto e testimoniato la velocità con cui i suoi uomini hanno cancellato le offese contro la storia bianconera: "Una squadra di pronto intervento – ha comunicato Dario Nardella, sindaco di Firenze – ha cancellato le scritte vergognose su Scirea e Heysel fuori dal Franchi, opera di qualche idiota che non rappresenta il vero cuore di Firenze".

Lo sdegno del club gigliato

Anche la stessa Fiorentina Calcio, attraverso le parole del patron Andrea Della Valle, ha fermamente preso le distanze e condannato il folle gesto: "Come Società, condanniamo con forza il contenuto delle scritte ingiuriose e irrispettose nei confronti dell'ex capitano della Juventus Gaetano Scirea e delle vittime dell’Heysel".