Marcello Lippi non è più l’allenatore della Cina. Dopo l’eliminazione subita nei quarti di Coppa d’Asia il c.t. dell’Italia campione del mondo nel 2006 ha dato l’addio alla nazionale cinese: “Voglio ringraziare tutti, perché con questa partita termina il mio contratto con la nazionale cinese. È stato un onore per me allenare una nazionale così importante per un Paese così importante come la Cina”.

Lippi dà l’addio alla Cina

Non c’è alcuna sorpresa in questa notizia perché Lippi era stato chiaro e già alla vigilia della manifestazione aveva dichiarato che al termine della Coppa d’Asia sarebbe andato via. Il 3-0 subito nei quarti dall’Iran di Queiroz, che in semifinale troverà il Giappone (la squadra favorita), ha sancito l’addio di Lippi alla nazionale cinese. Dopo il match l’ex allenatore di Juventus, Napoli e Inter ha detto

Ho cercato di fare del meglio per migliorare questa squadra e penso di avere costruito qualcosa. Speravo di potere chiudere questa esperienza in un modo migliore. Abbiamo regalato a una squadra come l’Iran tre gol in una partita così importante, i nostri giocatori hanno fatto del loro meglio durante il girone, ma stanotte non voglio dire loro grazie.

Quale sarà il futuro di Marcello Lippi?

Due anni sulla panchina della Cina per Lippi, che in quel paese ha allenato il Guangzhou con cui ha vinto più di un campionato e soprattutto la Champions League asiatica. La federazione lo scelse per cercare un’impresa impossibile, la qualificazione al Mondiale del 2018, Lippi recuperò un numero impressionante di punti, ma per un soffio fu eliminato nell’ultimo girone. La Cina ha fatto il massimo in questa Coppa d’Asia, i quarti li ha raggiunti per la terza volta nella sua storia e mai è riuscita a superarli. Adesso Lippi si fermerà dopo un notevole tour de force, si rilasserà e attenderà una proposta interessante. Il figlio Davide, procuratore, tempo fa ha detto che suo padre avrebbe continuato l’attività, sempre sulla panchina di una nazionale, magari europea.