5 Dicembre 2013
23:37

Mandela, la Makana Football Association e la vittoria del calcio sull’apartheid

Pelé ed Eto’o sul campo della Lega costituita dai prigionieri della segregazione razziale e riconosciuta dalla Fifa nel 2007. La Rainbow Nation esplose con il successo degli Springboks nel rugby e il Mondiale del 2010 in Sudafrica.
A cura di Maurizio De Santis

La leggenda di Pelè accanto alla stella di Samuel Eto’o, i campioni di ieri e di oggi, Nelson Mandela e le più alte cariche del calcio internazionale, pochi anni fa, si ritrovarono su un campo arido, gibboso e pieno di buche a tirar pallonate in una porta arrugginita. Era, ed è, il rettangolo della Makana Football Association, la Lega costituita da un gruppo di prigionieri a lungo ai margini degli organismi internazionali fino all’affiliazione onoraria alla Federazione avvenuta nel luglio del 2007. A sancirla fu Jack Warner, il vice presidente della Fifa, che spedì tra i pali corrosi il primo pallone della cerimonia simbolica e spostò i riflettori sulle contraddizioni di un Paese pronto a ospitare il Mondiale del 2010.

Green Point di Cape Town, una camera con vista tra Signal Hill e l’Oceano Atlantico. Più che uno stadio, una finestra spalancata sulla storia. La coda dell’occhio conduce fino all’orizzonte e fissa un isolotto battuto dal vento a una manciata di chilometri dalla costa. Robben Island, una prigione di terra brulla e filo spinato che per quasi trent’anni è stato il luogo di segregazione per migliaia di reclusi politici, il carcere di massima sicurezza, il simbolo dell’apartheid e di un’integrazione codificata come impossibile da un regime totalitario, la linea del colore che ha tracciato un solco nella memoria dei rapporti sociali e interraziali. Lì, Nelson Mandela v’è rimasto per diciotto anni. Lì, nel ghetto costruito dai bianchi, sono stati deportati i sogni di una generazione immatricolata, senza volto e senza nome. Lì, tra le pieghe di silenzi troppo duri da raccontare a corredo di violenze e repressione, s’è formata buona parte della classe dirigente dell’attuale Sudafrica. Lì, in un lembo di sassi e nuvole, c’è tutta la forza evocatrice della resistenza dei neri al colonialismo europeo. Lì, oggi che l’Unesco ha riconosciuto quel territorio come patrimonio dell’umanità, la “dias”, l’imbarcazione che traghettava i “criminali per la pelle” in quel fazzoletto d’inferno a cielo aperto, trasporta turisti.

Discipline come il cricket e il rugby, espressioni della moralità e della cultura britannica, erano un segno di civilizzazione e uno status distintivo per la borghesia medio-alta e capitalista rispetto alla diffusione esclusivamente popolare del football, capace di unire sotto una stessa divisa minatori, operai, immigrati, uomini di lingue, culture e provenienze differenti. Molto è cambiato da allora: le diverse comunità sembravano destinate a non incontrarsi mai – vicine ma separate e circoscritte dalle strade – lontanissime l’una dall’altra per l’apartheid che le classificava con metodica maniacale. Anni dopo il regime della segregazione, l’organizzazione dell’edizione iridata del campionato di rugby e la vittoria degli Springboks, la “Rainbow Nation” di Mandela dette appuntamento con la storia al Soccer City di Johannesburg: lo stadio da novantacinquemila posti che assomiglia al calabash, la zucca che le donne sudafricane usano come recipiente, appoggiandolo in testa, per trasportare l’acqua.

La FIFA studia quattro nuove regole per rivoluzionare il gioco del calcio
La FIFA studia quattro nuove regole per rivoluzionare il gioco del calcio
La Serie A conferma le 5 sostituzioni nella stagione 2021-2022
La Serie A conferma le 5 sostituzioni nella stagione 2021-2022
"Sta tornando a casa, ma non la vostra": i tifosi italiani spiegano il calcio all'Inghilterra
"Sta tornando a casa, ma non la vostra": i tifosi italiani spiegano il calcio all'Inghilterra
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni