Paolo Maldini ritorna nel mondo del calcio. L’ex leggenda del Milan assieme al socio Riccardo Silva, titolare dell’agenzia MP& Silva – licenziataria anche dei diritti esteri della Serie A – è diventato proprietario del Miami Football Club. I due soci hanno lanciato la nuova franchigia, il primo e per adesso unico club professionistico della splendida città della Florida, che prenderà parte dal 2016 alla NASL – la North American Soccer League, la seconda lega statunitense. Il nome di Maldini, uno dei più grandi difensori della storia del calcio, era circolato nelle ultime settimane, perché si era detto che se la cordata guidata dal thailandese Bee Taechaubol avesse preso il Milan l’ex difensore sarebbe rientrato in società dalla porta principale.

Maldini si occuperà anche di selezionare uno staff tecnico e giocatori di livello. Dalle parole dell’ex milanista si capisce che Maldini con entusiasmo si avvia in questa nuova professione: “Sono molto felice di partecipare a questo progetto, credo fermamente nella crescita del calcio negli Stati Uniti e questa è l’opportunità perfetta per sviluppare un team di alto livello in una delle città più importanti al mondo. Miami è stata la mia seconda casa per 15 anni, non vedo l’ora di spendere sempre più tempo in questa città come co-proprietario del Miami FC e di portare il mio entusiasmo per contribuire al suo successo.”. Il presidente del club sarà Riccardo Silva che cercherà di esportare le partite del Miami FC in tutto il mondo, attraverso cinquanta canali televisivi che, nei piani, dovrebbero raggiungere più di centocinquanta paesi. Il CEO del club sarà Antonio Barreto, capo di un gruppo di investitori internazionali che detengono una piccola quota del team.