Non solo calcio. Ma non è una novità: l'impero economico di Cristiano Ronaldo abbraccia ben oltre il rettangolo di gioco in cui ogni domenica delizia migliaia di tifosi. Il fenomeno portoghese è tale anche nella gestione dei propri affari extra calcio, diversificando gli investimenti, acquistando o promuovendo iniziative commerciali in settori diversissimi tra loro, dall'underwear alla catena di alberghi. Adesso, l'ultima frontiera è il filone del trapianto di capelli, una filiera in cui Cr7 ha deciso di inserirsi con convinzione.

Il primo centro di trapianto di capelli firmato Cristiano Ronaldo sarà aperto molto probabilmente a Madrid e la sua fidanzata Georgina Rodriguez sarà uno dei principali soci nell'investimento. Il centro si appoggerà al gruppo Insparya, che è stato cofondatore dell'idea di Ronaldo. Impiegherà 150 professionisti che lavorano in 18 camere e con la capacità di eseguire 18 trapianti di capelli al giorno.

L'investimento totale: 25 milioni di euro

L'attaccante della Juventus ha già investito circa un milione di euro nella sua ultima avventura imprenditoriale, ma ha piani ambiziosi visto che si parla di una spesa complessiva di circa 25 milioni di euro, da immettere sul mercato nei prossimi tre o quattro anni. Ronaldo ha dichiarato: "Oltre al calcio, sono appassionato di salute, tecnologia e ricerca, sono settori in cui ho voluto investire. Volevo che la prima clinica che prevede poi un'espansione internazionale del brand fosse situata a Madrid, una città in cui ho vissuto per molti anni"

Cosa offre il servizio ai propri clienti

Il prezzo di un trapianto di capelli presso la clinica di Ronaldo costerà circa € 4.000. La portavoce Carla Palanca ha dichiarato a Golder's News: "Possiamo confermare che Ronaldo sarà presente all'inaugurazione, il 18 marzo. La clinica offrirà pacchetti per clienti stranieri, offrendo un soggiorno in hotel, trasferimenti aeroportuali e trasporto da e per la clinica durante il trattamento in modo che i clienti possano fare qui il trattamento."

Obiettivo: altri due centri entro il 2020

Il presidente di Insparya, Paulo Ramos, ha aggiunto: "Abbiamo le capacità e l'esperienza per crescere, ma per aprire le cliniche anche fuori dal Portogallo abbiamo bisogno di farci conoscere e utilizzare la nostra reputazione sul campo. Ci darà quella spinta, vogliamo aprire il prossimo centro entro la fine del 2019 o all'inizio del 2020".