10 Gennaio 2018
12:32

Lukaku via dell’Everton per un rito voodoo

L’azionista di maggioranza dell’Everton parlando all’assemblea dei soci ha spiegato perché il belga ha lasciato i ‘Toffies’ la scorsa estate: “Voleva rinnovare, il suo agente venne qui, ma dopo una telefonata con la madre decise di andare via”.
A cura di Alessio Morra

L’azionista di maggioranza dell’Everton Moshiri ha fatto una rivelazione incredibile e, durante l’Assemblea dei soci del club, riguardo le cessione di Romelu Lukaku, ha spiegato che dietro l’addio del belga al club di Liverpool ci sarebbero delle forti ragioni extra-calcistiche che andrebbero ricercate in presunti riti voodoo. Il giocatore dopo un colloquio con la madre decise di non prolungare il contratto e decise di passare al Chelsea, anche se alla fine è diventato un giocatore del Manchester United.

Lukaku e il voodoo

Alla Liverpool Philarmonic Hall l’iraniano Farhad Moshiri ha parlato all’assemblea dei soci, ha svelato il progetto per il nuovo stadio dell’Everton, che spera di costruire nei pressi del bacino Bramley Moore, nei pressi del fiume Mersey. Parlando con la stampa l’azionista di maggioranza del club ha parlato dell’addio di Lukaku, che in un primo momento sembrava aver deciso di prolungare il proprio contratto, ma poi improvvisamente dopo una chiacchierata con la madre ha cambiato idea:

Gli abbiamo offerto cifre importanti per farlo rimanere. Il suo agente un giorno è venuto da noi per firmare, ma poi Lukaku ha telefonato a sua madre e c’è stato un pellegrinaggio in Africa, una sorta di voodoo, e lui ha deciso in quel momento che doveva firmare per il Chelsea.

Niente Chelsea, ma Manchester United per Lukaku

“Lui è andato in vacanza a Los Angeles e non voleva tornare. Il suo cervello era sparito”, ha aggiunto il proprietario Moshiri. E mentre era in California Lukaku ha lasciato l’Everton, non è finito al Chelsea ma al Manchester United, che per lui ha sborsato 75 milioni di euro e ha dato ai ‘Toffies’ Rooney. L’avvio allo United è stato eccezionale con una media di quasi un gol a partita, poi la media si è abbassata parecchio e i numeri sono peggiorati, e ora è a quota 15 gol in 28 partite.

Juve-Chelsea, Chiellini sfida ancora Lukaku: "Fortissimo, ma l'ho battuto nelle ultime partite"
Juve-Chelsea, Chiellini sfida ancora Lukaku: "Fortissimo, ma l'ho battuto nelle ultime partite"
James Rodriguez beccato all'aeroporto: trasferimento a sorpresa, addio Everton
James Rodriguez beccato all'aeroporto: trasferimento a sorpresa, addio Everton
L'Inter è sempre una macchina da gol, anche se Lukaku non c'è più
L'Inter è sempre una macchina da gol, anche se Lukaku non c'è più
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni