Segui i soldi e troverai la strada. Gonzalo Higuain ha seguito la propria, che lo ha condotto da Torino a Milano, grazie anche un ingaggio ricco che ha fatto cadere le ultime resistenze dell'argentino e favorito lo scambio di difensori Bonucci-Caldara. Segui i soldi, eccoli: prestito oneroso da 18 milioni di euro e diritto di riscatto fissato tra un anno a 36 milioni, sono questi i termini economici della trattativa. Quanto allo stipendio del Pipita, l'offerta dei rossoneri è stata tale da accontentare le richieste del calciatore.

Lo stipendio di Higuain al Milan. Il direttore tecnico, Leonardo, lo aveva cercato già ai tempi del Paris Saint-Germain ma allora non riuscì a persuadere l'ex Real Madrid. Ce l'ha fatta questa volta mettendo sul piatto 25.5 milioni di euro per le prossime 3 stagioni: almeno per il primo anno l'ex bianconero guadagnerà lo stesso stipendio che percepiva alla Juventus (7.5 milioni), per i successivi due invece ne incasserà 9 netti a stagione. A questo tesoretto va aggiunto 1 milione di euro (e non 4.5, come inizialmente richiesto dall'entourage di Higuain) che la ‘vecchia signora' ha aggiunto nel salvadanaio quale buonuscita corrispondendo in sostanza la mensilità di agosto.

Quando esordirà in rossonero: 11 agosto contro il Real. Il Pipita è arrivato a Milano nella serata di mercoledì, al termine della lunga giornata di contatti serviti alle parti per limare i dettagli dell'operazione. Alloggerà per qualche giorno in albergo, poi si stabilirà definitivamente per la nuova avventura, la terza da quando è in Italia dopo Napoli e Juventus. Visite mediche e firma in calce al contratto esauriranno la parte burocratica dell'affare, a quando l'esordio in campo? Potrebbe avvenire l’11 agosto a Madrid contro il Real Madrid in occasione del Trofeo Santiago Bernabeu.

Oltre ad Higuain dalla Juventus arriva anche Mattia Caldara. A Torino è stato solo di passaggio, poche settimane dopo aver detto addio all'Atalanta: in rossonero farà coppia con Alessio Romagnoli costituendo quel tandem che rappresenta un investimento per il futuro. Caldara va, Leonardo Bonucci torna: il ‘figliol prodigo' ha accettato una decurtazione dello stipendio passando dai 7.5 che gli assicurava il Milan ai 5 milioni più bonus per i prossimi 5 anni; il primo invece incasserà circa 2 milioni, sempre in base a un contratto di 5 anni.