Sono passati sette mesi dalla finale di Champions League tra Real Madrid e Liverpool. Gli spagnoli a Kiev vinsero per 3-1, furono decisivi Bale e Benzema e soprattutto le papere di Karius. Ma altrettanto decisiva fu l’uscita dal campo di Momo Salah, il giocatore più caldo e determinante dei Reds che fu costretto a chiedere il cambio dopo una durissima entrata subita da Sergio Ramos. Il capitano dei ‘blancos’ e l’egiziano non se le sono mandate a dire in tutti questi mesi, hanno spalleggiato Salah, con delle pepate dichiarazioni, pure alcuni compagni di squadra. Ulteriore benzina sul fuoco l’ha messa il tecnico del Liverpool Klopp

Salah sempre più bomber nel Liverpool

Il Liverpool sogna la Premier League che non vince addirittura dal 1990. Klopp è imbattuto in campionato e ha un margine di quattro punti sul Manchester City e sei sul Tottenham. Grande protagonista è sempre Salah, l’attaccante egiziano lo scorso anno era stato eccezionale ma quest’anno sta andando ancora meglio: undici gol e sei assist, praticamente decisivo in ogni partita. Klopp ha elogiato l’ex giallorosso che ha cambiato posizione nel modulo del Liverpool, che da quest’anno gioca con un 4-2-3-1: “Salah si sta comportando molto bene, ha dovuto adattarsi ad una posizione leggermente diversa. Sarà un aspetto molto importante del nostro gioco anche in futuro”.

Klopp attacca Sergio Ramos

Adesso brilla, ma l’avvio di stagione di Salah non è stato dei migliori per il ‘Faraone’, e parlando del difficile avvio Klopp ha lanciato, in modo molto sottile e molto arguto, una frecciata a Sergio Ramos. Secondo il tecnico tedesco Salah non era brillante a inizio stagione perché era ancora alle prese con l’infortunio alla spalla rimediato nella finale di Champions League: “Per giocare bene hai bisogno di stare bene e a inizio stagione Salah non era al cento per cento, perché aveva ancora problemi alla spalla”.