A poche ore dalla bella vittoria in Champions League contro il Porto per 2-0, il Liverpool piange la scomparsa di un suo storico ex calciatore: all'età di 74 anni, si è spento Tommy Smith glorioso capitano dei reds che guidò la squadra ai successi nazionali e internazionali a cavallo degli anni 60 e 70.

Smith soffriva da qualche anno oramai di demenza senile e si trovava in una casa di cura. Ma la scomparsa ha scosso comunque l'ambiente dei rossi di Liverpool la cui storia è in forte parte legata all'ex capitano. A dare notizia della morte è stata la figlia, in seguito la società ha emesso un comunicato di cordoglio.

Siamo profondamente rattristati dalla scomparsa del nostro ex capitano Tommy Smith, di 74 anni. I pensieri di tutto il Liverpool sono alla famiglia di Tommy ed ai suoi amici. Riposa in pace ‘Iron Anfield'

Con il Liverpool vinse tutto in Inghilterra e in Europa

Thomas (Tommy) Smith è un'autentica icona nell'universo calcistico di Liverpool. Indossò la magia dei rossi d'Inghilterra per quasi due decenni vincendo tutto: 5 Premier Division, 2 Coppe d'Inghilterra, 6 Community Shield, 2 Coppe dei Campioni, 2 Coppa Uefa, 1 Supercoppa UEFA. Inanellò 467 presenze segnando 36 reti in carriera. Vestì anche la maglia della nazionale inglese, con cui giocò una sola volta.

Il leggendario "Anfield Iron"

Soprannominato prima dai propri tifosi e poi da tutti "Anfield Iron", il leggendario capitano del Liverpool è stato una delle figure più influenti della storia dei Reds, capace di giocare sia in difesa che a centrocampo. Con Bill Shankly e Bob Pailsey è stato l'artefice di una serie quasi irripetibile di trofei entrando nel cuore dei propri tifosi. Una volta che appese le scarpette al chiodo non abbandonò mai il calcio e la sua storia.  Dopo 20 anni corsi sui campi d'Inghilterra, si trasformò in uno spiccato e critico editorialista per il Liverpool Echo per trentacinque anni.