Sollevare al cielo di Madrid la coppa dalle grandi orecchie è stata soprattutto un'immensa gioia sportiva. Specialmente per Klopp, allenatore spesso (ingiustamente) bistrattato per la mancanza di titoli a suggellare la bontà del suo gioco e delle idee espresse. Ma oltre alla soddisfazione di essere saliti sul tetto d'Europa e aver vinto il trofeo calcistico per club più importante al mondo, la vittoria della Champions League incide positivamente anche sul bilancio economico della società e sulla sua appetibilità d'immagine nell'attirare nuovi sponsor.

Secondo quanto riportato da Bloomberg, John Henry (azionista principale del Fenway Sports Group, la società d’investimento che controlla i Reds) ha visto il proprio investimento iniziale quintuplicarsi nel periodo compreso tra il 2010 e il 2019. Il gruppo ha infatti rilevato il controllo del Liverpool nel 2010 per circa 500 milioni di dollari e oggi il club campione d’Europa ha raggiunto un valore che – secondo le stime di Kpmg – è di circa 2,4 miliardi di dollari. Cifra destinata a crescere ulteriormente grazie alla conquista della Champions League.

Il bilancio 2018 del Liverpool

Quando un club ottiene importanti risultati sportivi – ha spiegato a Bloomberg Dan Jones, global lead for sports business di Deloitte – aumenta anche il suo valore economico, grazie ad una maggiore visibilità che consente di attirare nuovi sponsor.

La vittoria della Champions League porterà nelle casse del Liverpool 19 milioni di euro, da sommare ai premi già maturati per il percorso fatto dagli uomini di Klopp fino alla finale di Madrid. In attesa di conoscere i risultati dell’esercizio 2018-2019, la scorsa annata dei Reds si è chiusa con un utile record di 121 milioni di euro. Il fatturato nella stagione 2017-2018 è cresciuto di oltre 102 milioni raggiungendo quasi quota 520 milioni di euro. In crescita i ricavi da diritti Tv (+75 milioni), ricavi commerciali (+19 milioni) e botteghino (+8 milioni).