Il suo nome è stato accostato a più riprese a diverse squadre in sede di mercato. Leonardo Pavoletti però non ha intenzione di muoversi dal Cagliari a cui è legato da un contratto fino al 2022. Il bomber reduce da una stagione super con la squadra rossoblu, ha parlato ai microfoni del sito ufficiale del club manifestando la volontà di alzare ulteriormente l'asticella delle ambizioni. Parole d'amore per Cagliari e il Cagliari che sicuramente faranno piacere ai tifosi.

Cagliari, Leonardo Pavoletti chiude al mercato e fissa gli obiettivi in rossoblu

Le indiscrezioni di calciomercato dei giorni scorsi hanno raccontato di un interesse di Atalanta e Fiorentina per Leonardo Pavoletti. Il bomber sardo però pensa solo al Cagliari e dopo i 16 gol della scorsa stagione, molto positiva, è pronto a cercare di migliorare ancora per trascinare la formazione di Maran verso obiettivi più prestigiosi della salvezza: "Vengo da un anno positivo: fare meglio è difficile. Ci proverò: il mio obiettivo è raggiungere i 20 gol – ha dichiarato al sito ufficiale del Cagliari – Cercherò non solo di migliorare il mio score ma anche di portare il Cagliari ancora più in alto".

Pavoletti e il feeling con il Cagliari e i suoi tifosi

Pavoletti ha parlato anche del suo feeling con la piazza sarda. A Cagliari il bomber si trova benissimo e vuole ripagare l'affetto dei tifosi a suon di gol: "L'anno scorso abbiamo fatto un ritiro di conoscenza: dovevamo capire cosa ci chiedeva il nuovo allenatore, ovvero Maran. Stavolta ripartiamo da una base solida, da un gruppo affiatato, non possiamo che migliorare le cose. Mi sono integrato benissimo qui a Cagliari. Amo quando i tifosi mi fermano per strada, mi salutano, mi chiedono di scattare una foto insieme. Sono dimostrazioni di affetto che mi fanno piacere: è difficile entrare nel cuore dei sardi ma una volta che ci riesci ti ripagano come pochi sanno fare".

Il bomber pronto a far esplodere d'entusiasmo la Sardegna Arena

Squadra e tifosi dunque insieme per regalare al Cagliari una stagione di soddisfazioni, sfruttando soprattutto il fattore campo: "Quando sono arrivato ho trovato tantissima gente ad accogliermi in aeroporto: per me è stata una responsabilità in più. Il nostro stadio è un vero bunker: i tifosi ci trascinano, per i nostri avversari è e sarà sempre difficile giocare alla Sardegna Arena". Intanto, i rossoblù hanno svolto la seduta mattutina di allenamento in palestra, per poi passare a esercitazioni tecnico-tattiche a reparti sul campo. Domani pomeriggio alle 17.30 è in programma il secondo test stagionale, contro il Real Vicenza.