26 Giugno 2013
14:47

Le probabili formazioni di Brasile-Uruguay, semifinale di Confederations Cup 2013

Scolari, che recupera Paulinho, schiera Oscar, Hulk e Neymar alle spalle di Fred. Tabarez schiera in avanti Cavani, Suarez e Forlan.
A cura di Adriana De Maio

 

Le probabili formazioni di Brasile-Uruguay, semifinale di Confederations Cup 2013

Brasile – Uruguay non è una partita come tutte le altre. Perché in Uruguay, ma soprattutto in Brasile nessuno ha dimenticato la finale dei Mondiali del 1950 che, grazie alle reti di Schiaffino e Ghiggia fu vinta dalla ‘Celeste’ e, mandò in depressione un intero paese, che voleva vincere in casa per la prima volta il titolo Mondiale. Due vecchie volpi della panchina Felipao Scolari e il ‘Maestro’ Tabarez in conferenza stampa hanno naturalmente dovuto parlare di quell’incontro, che entrambi non hanno visto. Felipao e Tabarez stasera vogliono e devono assolutamente vincere. I padroni di casa, che hanno recuperato Paulinho, sono la squadra che ha maggior voglia di vincere la Confederations Cup. Mentre l’Uruguay, che nell’ultimo anno ha perso troppe partite, cerca l’ennesimo colpaccio in Brasile. Tabarez si affida al tridente formato da Forlan, Suarez e Cavani, ancora alla ricerca del primo gol in Confederations.

Probabili Formazioni:

Brasile (4-2-3-1): Julio Cesar; Dani Alves, David Luiz, Thiago Silva, Marcelo; Luiz Gustavo, Paulinho; Hulk, Oscar, Neymar; Fred. All. Scolari

Uruguay (4-3-3): Muslera; Maxi Pereira, Lugano, Godin, Caceres; Arevalo Rios, Perez, C. Gonzalez; Forlan, Suarez, Cavani. All. Tabarez

Istanbul Basaksehir-Fiorentina di Conference League, dove vederla in TV su TV8, Sky o DAZN: le formazioni ufficiali della partita
Istanbul Basaksehir-Fiorentina di Conference League, dove vederla in TV su TV8, Sky o DAZN: le formazioni ufficiali della partita
Italia-Slovenia semifinale Volley, dove vederla
Italia-Slovenia semifinale Volley, dove vederla
Marquez annuncia il suo ritorno in pista, correrà al Gp di Aragon:
Marquez annuncia il suo ritorno in pista, correrà al Gp di Aragon: "Non vedo l'ora"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni