Dopo la partenza verso Monaco di Keita Balde, la Lazio ha sopperito alla mancanza tecnica e tattica con un trio d'eccezione, tutto portoghese che ha posto in mano a Simone Inzaghi, con l'intento di formarne un nuovo punto di riferimento per la stagione appena iniziata. Tre giocatori di tutto rispetto che compongono un mix di esperienza e gioventù che potrebbe riservare ottime soprese. A far da chioccia è senza dubbio Nani, maturo esterno dal lungo corso che dovrà prendere sotto la sua sapiente ala i giovani connazionali Pedro Neto e Jordão. Tutti e tre sono stati presentati oggi e l'ex Valencia ha già puntato il dito verso il derby contro la Roma.

La ciliegina del mercato Lazio

Sono stati presentati ufficialmente in conferenza stampa gli ultimi tre arrivati a Formello. Volontà del ds Tare, che ha subito colmato la lacuna creatasi dalla partenza di Keita. Non a caso, l'ex centrocampista albanese ha descritto Nani come "la classica ciliegina sulla torta della campagna acquisti". Dopotutto il giocatore è di comprovata esperienza, si è costruito negli anni una mentalità vincente che servirà dentro e fuori il campo.

Nani, esperienza per Simone Inzaghi

Mentalità vincente

Nani non è sicuro titolare nella formazione iniziale di Simone Inzaghi ma per il portoghese non è un problema. Possiede caratteristiche tecniche che al momento nessuno nella Lazio ha e per questo riuscirà a ritagliarsi il proprio spazio: "Ho deciso di lasciare il Valencia per cogliere questa opportunità e far parte di un club storico. Il mio obiettivo qui è aiutare la squadra in tutti i modi. Soprattutto mettere a disposizione la mia esperienza passata. Sono felice, fiducioso e motivato"

Nel mirino il derby e la Roma

Nani è un'idea che sarà pronta fra qualche settimana, al momento non è a disposizione, sta lavorando individualmente ma contro il Milan non ci sarà. L'obiettivo, però, è quello di prepararsi alla perfezione per dare il proprio contributo durante tutto l'arco della stagione dove non vede già l'ora di sfidare la Roma: "Ho giocato diverse stracittadine nel corso della mia carriera, non so quale sia più difficile. Ma se ti focalizzi sul derby magari fai male altre cose e noi dobbiamo concentrarsi sul fare bene in generale"

I due portoghesi baby

Bruno Jordao

Oltre a Nani, ecco  i baby prelevati dallo Sporting Braga, cioè Pedro Neto e Bruno Jordão, promesse a lungo termine delle quali Inzaghi dovrà fare tesoro: "Mi ispiro a Xavi e Iniesta – spiega  Jordao – Le mie qualità sono la visione di gioco, le capacità sul passaggio corto come su quello lungo".

Pedro Neto

Poi è il turno di Neto: "Sono una prima punta. Ho 17 anni, devo migliorare ancora tanto le qualità e lavorare i miei difetti. in Portogallo a livello nazionale ho sempre guardato a Bernardo Silva come un idolo"